in evidenza 05 febbraio 19:42 Prima serata di Sanremo 2019, artisti in gara e ospiti di martedì 5 febbraio

Al via il Festival di Sanremo 2019 con la prima serata di martedì 5 febbraio. La 69esima edizione della kermesse è la seconda consecutiva targata Claudio Baglioni, che porta con sé sul palco del Teatro Ariston Virginia Raffaele e Claudio Bisio. Prende finalmente il via l'evento televisivo dell'anno, ai blocchi di partenza dopo un mese travagliato fatto di polemiche, soprattutto di stampo politico, in seguito alle affermazioni su Sea Watch e migranti di Claudio Baglioni in conferenza stampa a metà gennaio. È stata indubbiamente questo il tema che ha accompagnato il Festival sino a questo momento.

Nel corso della prima serata del Festival si esibiranno tutti e 24 i concorrenti in gara, quest'anno assemblati in un unico raggruppamento, vista la scelta di Baglioni di eliminare la suddivisione tra Big e Nuova Proposte. Sul palco dell'Ariston subito grandi ospiti in questa serata di debutto: Andrea Bocelli e suo figlio Matteo, Giorgia, Pierfrancesco Favino (che torna dopo essere stato mattatore della scorsa edizione), Claudio Santamaria, che prenderà parte ad un omaggio al Quartetto Cetra. Gli ospiti dovrebbero entrare sul palco proprio in questo ordine, con Bocelli e suo figlio previsto alle 21.30.

L'inizio della serata è previsto per le 20.45, la conclusione è stimata intorno all'1.15. Con la gara parte anche la votazione degli artisti in gara. Il regolamento prevede che per la prima serata il 30% dei voti dipenda dalla sala stampa, il 30% dalla giuria demoscopica e 40% con il televoto.

06 febbraio 01:29 Si chiude la prima serata di Sanremo 2019, spazio al Dopofestival

Si chiude all'1.15 spaccate, come promesso, la prima serata del Festival di Sanremo 2019. Una puntata ragionevolmente ingolfata dall'enorme numero delle esibizioni previste, 24 in tutto, durante la quale non sono stati molti i momenti davvero memorabili. L'intesa tra Claudio Bisio e Virginia Raffaele non trova grande riscontro nell'efficacia dei numeri comici sul palco ed è evidente il peso del confronto con l'edizione precedente, segnata dalle straordinarie, inaspettate e per certi versi irripetibili qualità di Pierfrancesco Favino. La serata si chiude con Rocco Papaleo sul palco, per lanciare la prima puntata del Dopofestival, che l'attore condurrà con Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto.

06 febbraio 01:15 Classifica parziale alla fine della prima serata Sanremo 2019

Come avvenuto nella scorsa edizione, anche quest'anno viene mostrata una classifica parziale alla fine della prima puntata, con il sistema delle tre fasce, blu, gialla e rossa, per far capire il posizionamento orientativo dopo la prima serata. Ecco gli esiti parziali, piuttosto prevedibili.

La sezione blu, che denota la parte alta della classifica, recita: Daniele Silvestri, Irama, Ultimo, Loredana Bertè, Simo Cristicchi, Francesco Renga, Il Volo, Nek

La parte gialla, terra di mezzo: Shade e Federica Carta, Paola Turci, Negrita, Patty Pravo e Briga, Arisa, Boomdabash, Enrico Nigiotti, Anna Tatangelo

Nella parte rossa, la più bassa: Motta, Ghemon, Mahmood, Ex-Otago, Ghemon, Achille Lauro, The Zen Circus, Einar, Nino D'Angelo e Livio Cori.

06 febbraio 01:05 Mahmood ultimo ma solo in ordine di apparizione, la sua “Soldi” può fare strada

Da Sanremo Giovani è venuto fuori un altro nome, quello di Mahmood, vincitore della seconda serata del programma condotto da Baudo e Rovazzi lo scorso dicembre. La sua "Soldi" ha un sound nuovo, interessante, che svela a pieno le caratteristiche vocali di Mahmood, ancora meglio di quanto non fosse riuscita a fare la canzone con cui aveva vinto Sanremo Giovani. È l'ultimo a esibirsi in questa prima serata e la cosa non aiuta, ma questo è un pezzo destinato a non passare inosservato in questa kermesse.

06 febbraio 01:01 Enrico Nigiotti porta a Sanremo 2019 “Nonno Hollywood”

Enrico Nigiotti è un altro prodotto dei talent show televisivi sul palco di Sanremo, a testimonianza di quanto il genere televisivo abbia saccheggiato il festival quest'anno più che mai. Il cantautore toscano porta all'Ariston una canzone molto sentita ed eseguita in maniera convinta. Si chiama "Nonno Hollywood" ed ha tratti evidentemente autobiografici. Nigiotti è il penultimo in gara e con la sua esibizione la serata si avvia verso la conclusione.

06 febbraio 00:54 Irama a Sanremo con “La ragazza con il cuore di latta”

Un altro dei favoriti della vigilia è certamente Irama, vincitore uscente di Amici. La canzone che porta all'Ariston per il suo debutto sanremese si intitola "La Ragazza con il cuore di latta". Ritornello indubbiamente orecchiabile e l'utilizzo del coro di voci femminili che aiuta la canzone ad avviarsi alla conclusione con convinzione. Nota di costume e gossip necessaria: si attendeva all'Ariston la popolarissima Giulia De Lellis, compagna di Irama da alcuni mesi. Eppure di lei a Sanremo non v'è traccia, così come confermato dalle sue storie su Instagram che testimoniano sia altrove. Arriverà per le prossime serate?

06 febbraio 00:49 Anna Tatangelo torna all’Ariston con “Le nostre anime di notte”

Una canzone pregna di tradizione sanremese quella che Anna Tatangelo porta a Sanremo, facendo il suo ritorno sul palco dell'Ariston ad alcuni anni di distanza dall'ultima partecipazione. Al primo ascolto "Le nostre anime di notte" sembra una canzone che le appartiene e le dà credibilità, oltre a mettere in evidenza caratteristiche vocali molto complesse. Anna tatangelo riparte da qui.

06 febbraio 00:40 “Solo una canzone”, il debutto degli Ex-Otago a Sanremo

Quintultima esibizione della serata è quella degli Ex-Otago, tra i principali esponenti del cosiddetto It Pop. La band genovese fa il debutto sul palco dell'Ariston con "Solo una canzone", pezzo che "ci fa vibrare – ha raccontato la band genovese – Non ci risparmieremo come non ci siamo mai risparmiati su nessun altro palco". Il leader, Maurizio Carucci, ha una voce molto riconoscibile e la canzone dà modo di credere che potrebbe dire la sua in questa competizione. Per di più, visto che anche l'occhio vuole la sua parte, Carucci è saltato all'occhio di buona parte del pubblico femminile, vista almeno l'apparente reazione del popolo social.

06 febbraio 00:31 Einar debutta a Sanremo con “Parole Nuove” dopo la vittoria a Sanremo Giovani

Reduce dalla vittoria a Sanremo Giovani dello scorso dicembre, arriva sul palco di Sanremo 2019 Einar. "Parole Nuove" è la canzone che porta all'Ariston, scritta da Antonio Maiello, Enrico Palmosi e Nicola Marotta. A dicembre aveva invece avuto la meglio nella prima delle due serate condotte da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, imponendosi con la canzone "Centomila volte".

06 febbraio 00:22 Ghemon irrompe a Sanremo 2019 con “Rose Viola”

Ghemon fa irruzione a Sanremo con la sua voce potente e pulita allo stesso tempo. "Rose Viola" è una canzone perfettamente in linea con lo stile riconoscibilissimo che contraddistingue il non solo-rapper di origini irpine. Nonostante l'ora tarda, la sua esibizione sembra convincere anche la platea, vista la reazione del pubblico del teatro Ariston.

06 febbraio 00:11 Claudio Santamaria all’Ariston, omaggio al Quartetto Cetra

Omaggio già annunciato al grande Quartetto Cetra sul palco di Sanremo. Per completare il raggruppamento di quattro, si aggiunge Claudio Santamaria, ospite di questa prima serata del Festival. Raffaele, Bisio e Baglioni cantano con Santamaria alcuni dei principali successi con cui il Quartetto ha segnato la storia della musica e della televisione italiana. Numero molto raffinato. Tra i membri del Quartetto Cetra c'era anche Tata Giacobetti, marito di Valeria Fabrizi, volto di "Che Dio ci aiuti" presente in platea e omaggiato con un grande applauso del pubblico.

05 febbraio 23:57 I Negrita tornano a Sanremo 16 anni dopo, sul palco con “I Ragazzi stanno bene”

Dopo 16 anni, tornano a Sanremo i Negrita, la loro ultima volta al Festival risale infatti al lontano 2003. "I Ragazzi Stanno Bene" è una canzone che il gruppo ha voluto spiegare così: "I Ragazzi stanno bene è un rifiuto. È la non accettazione di certe storture che la società contemporanea ci regala e ci impone ogni giorno. A questa età, poter urlare: “Non mi va!”, diventa un fatto altamente liberatorio e alla fine, per chi vede le cose come noi, anche incoraggiante. Poterlo poi urlare davanti a milioni di italiani ogni sera, per almeno quattro sere, è il top!".

05 febbraio 23:50 Un’insolita Arisa torna a Sanremo con “Mi sento bene”

Arisa parte come si poteva immaginare, poi cambia completamente strada. La sua "Mi sento bene" non è la canzone che ci saremmo aspettati, ma chi aveva ascoltato il pezzo aveva preannunciato che la sua sarebbe stata una canzone in discontinuità col canzoniere sanremese della bellissima voce genovese. Dal lento al veloce, per poi chiudere di nuovo lenta, la canzone che Arisa porta in gara a questo Festival ha una costruzione certamente ambiziosa, insolita.

05 febbraio 23:43 Achille Lauro fa debuttare l’autotune a Sanremo 2019, “Rolls Royce” è una botta di vita

Cambio di passo con Achille Lauro, tra i più attesi di questo Festival. La sua "Rolls Royce", oltre a decretare il debutto dell'autotune in questo Sanremo, è una botta di vita e, a giudicare dalla generalità degli altri pezzi ascoltati finora, l'impressione è che possa fare strada in questo Festival.

05 febbraio 23:36 Arriva Giorgia e all’Ariston il tempo si ferma

Come Bocelli, anche Giorgia torna sul palco che 25 anni fa, con "E poi", la lanciò definitivamente sulla scena musicale italiana, consacrandola come una delle voci nostrane più belle di sempre. Esegue tre delle canzoni del suo ultimo album di cover dei grandi successi italiani di sempre (oltre a "I will always love you"), una cosa che, al netto della perfetta e straordinaria esecuzione, non sarebbe stata indispensabile. Ma ne comprendiamo la ragione discografica e lo accetteremo, per il bene che non si può non volere a Giorgia.

Poi, per fortuna, arriva Baglioni e la accompagna al piano per "Come saprei". E qui, è solo silenzio.

05 febbraio 23:23 Claudio Baglioni e l’Ariston omaggiano Fabrizio Frizzi: “Avrebbe meritato di presentare Sanremo”

Claudio Baglioni riserva una parentesi doverosa al ricordo di Fabrizio Frizzi, il conduttore scomparso a marzo 2018, che oggi avrebbe compiuto 61 anni. E rivela che lo scorso anno aveva pensato a lui per la conduzione del Festival: "Un amico che amava la musica e al quale sarebbe piaciuto moltissimo presentare Sanremo e l'anno scorso io ci avevo pensato, lo avrebbe meritato. Fabrizio Frizzi oggi avrebbe compiuto 61 anni, è il 5 febbraio e per la prima volta lui non c'è. Per me era un grande, curioso, bizzarro e ingenuo sorriso. Per questo ci piace ricordarlo così, con questo sorriso e le braccia aperte, proprio come Modugno mentre canta "Volare".

05 febbraio 23:21 Simone Cristicchi emoziona l’Ariston con “Abbi cura di me”

Ritorna al Festival Simone Cristicchi, che ha lasciato il segno su Sanremo con una delle canzoni vincitrici più belle e convincenti di sempre, "Ti regalerò una rosa". La sua "Abbi cura di me" conserva lo stesso retaggio intimo di quella canzone e il pubblico sembra capirlo, tant'è che alla fine gli riserva una meritata standing ovation. La sua canzone è tra le più belle ascoltate fino ad ora questa sera.

05 febbraio 23:12 Patty Pravo e Briga sul palco, un problema tecnico ritarda l’inizio di “Un po’ come la vita”

Leggero momento di imbarazzo, dovuto a un normalissimo guasto tecnico, quello che precede la canzone portata in gara da Briga e Patty Pravo. La coppia è costretta a intrattenere con qualche battuta la platea – "Ma sono venuta a farmi una passeggiata o a cantare?", dice la cantante in attesa che tutto sia a posto per l'esecuzione di "Un po' come la vita". Esecuzione che, va detto, non è stata affatto malvagia. Inevitabile ironia sul look di Patty Pravo, che sa il fatto suo e si presenta sul palco con un'acconciatura di capelli stile dread e un abito tutt'altro che sobrio. La cosa non sfugge all'occhio dei commenti social. L'ironia, più o meno perfida, si scatena all'istante.

05 febbraio 23:06 Boomdabash non si smentiscono con la loro “Per un milione”

Verrebbe da fare una battuta di spirito e dire che se Sanremo si facesse ad agosto, i Boomdabash vincerebbero sempre, a mani basse. Al di là di tutto, è l'impressione che deriva dalla loro "Per un milione", del tutto coerente con il loro stile musicale e la cosa la si dice in senso assolutamente positivo. Anche perché ci sono loro dietro il pezzo che l'estate scorsa ha dettato letteralmente legge, "Non ti dico no", che vantava peraltro la partecipazione di Loredana Bertè, an che lei in gara a Sanremo.

05 febbraio 22:54 Motta fa il suo esordio a Sanremo con “Dov’è l’Italia”

Motta conferma la cifra di "Vivere o morire", album del 2018 che lo ha consacrato definitivamente. Nella sua "Dov'è l'Italia" si intravedono la stessa forza testuale e musicale, oltre che uno stile riconoscibile. E non è poco, non è davvero poco.

05 febbraio 22:49 Paola Turci all’Ariston con “L’Ultimo Ostacolo”

Indiscutibilmente splendida Paola Turci, che approda sul palco sanremese di bianco vestita, per far ascoltare al pubblico "L'ultimo ostacolo". Il pezzo restituisce a pieno l'idea di una veterana del Festival che conosce le caratteristiche di questa competizione e il prodotto più adatto alla platea sanremese. Undici le partecipazioni a Sanremo per lei, e chissà che questa non sia quella giusta.

05 febbraio 22:36 Con Favino è tutto un altro Sanremo, numero a due con la Raffaele tra Mary Poppins e Bohemian Rhapsody

Arriva Pierfrancesco Favino e anche Virginia Raffale acquisisce nuova luce. Numero a due in cui, a metà tra Mary Poppins, Sister Act e Bohemian Rapsody, fanno quello che serve a Sanremo. Che il numero piaccia o meno, c'è poi una considerazione ovvia da fare rispetto alle qualità di Favino, troppo bravo per non rappresentare un anno zero della storia di Sanremo. Dopo di lui, chiunque sfigurerebbe e infatti il suo ritorno sul palco riconcilia leggermente lo spettatore con un Festival fino a questo momento ingessato.

05 febbraio 22:25 Ultimo con “I tuoi particolari”, è uno dei principali candidati alla vittoria della vigilia

Il primo papabile candidato alla vittoria di questo Festival sale sul palco intorno alle 22.20: si tratta ovviamente di Ultimo. Vincitore tra le Nuove Proposte lo scorso anno, il cantautore romano viene da un anno eccezionale in termini di risultati ottenuti, tra sold out e numeri importanti in fatto di vendite. Se si volesse trovare un difetto alla sua "I tuoi particolari", c'è sicuramente la percezione di un mancato cambio di passo rispetto al prodotto portato a Sanremo nel 2018. Il pezzo, ad ogni modo, valorizza a pieno le sue caratteristiche vocali e non c'è dubbio che farà strada.

05 febbraio 22:20 Federica Carta e Shade con “Senza farlo apposta”, la prima canzone sanremese di Sanremo 2019

La prima canzone squisitamente sanremese di questo Festival la portano sul palco Federica Carta e Shade. "Senza farlo apposta" assume i caratteri della boccata d'aria dopo una prima ora in cui le sonorità eccessivamente classiche si erano alternate a pezzi dal sound più alternativo o non esattamente nazional popolare.

05 febbraio 22:11 Bisio scherza su Baglioni e polemica migranti: “Vi siete stupiti? Ha sempre fatto così”

Primo monologo di Bisio che sfrutta i titoli più noti della carriera musicale di Baglioni, correlandola alla polemica Sea Watch e le parole di Bagloni su questione migranti che ha accompagnato il festival nelle scorse settimane.

Mi hanno davvero stupito tutta quella serie di polemiche su di lui prima del Festival. Mi ha stupito il vostro stupore. "Baglioni fa politica", qualcuno ha detto, ma è stato sempre così e nessuno se n'era accorto.

E così "Passerotto non andare via", "Tutti qui", "Io me ne andrei", diventano tutti pretesti per rafforzare l'idea di un'ossessione di Baglioni per la questione migranti. Il numero, come ogni numero comico, è svilito da qualsiasi tentativo di spiegazione. Il tutto si conclude con l'arrivo sul palco di Baglioni, la sua chitarra e "Io sono qui". Poi Bisio chiude spezzando una lancia per il direttore artistico: "Io spero con questa canzone di chiuderla qui. Poi gli hater sono altra cosa, ma per i giornalisti seri, ricordate che quest'uomo ha un grande cuore e una grande testa".

05 febbraio 22:04 “Argentovivo”, Daniele Silvestri sul palco dell’Ariston con Rancore

Testo ruvido, come la musica di "Argentovivo", il pezzo che Daniele Silvestri porta a Sanremo 2019. Come è spesso accaduto per le sue sortite sanremesi, non manca l'elemento scenico, un banco da scuola che si lega al testo della canzone. Sul palco insieme a Silvestri c'è anche il rapper romano Rancore. Complessivamente è la cosa migliore sentita fino a questo momento, ma non sembra un pezzo che abbia le caratteristiche per permettere a Silvestri di scalare la classifica.

05 febbraio 21:53 Problemi di audio a Sanremo e l’internet insorge

"Ma l' audio dei microfono poi lo aggiungono dopo?" è solo uno dei messaggi ironici che sono apparsi sui social durante la diretta della prima serata del Festival di Sanremo 2019. Molti spettatori – si legge su Twitter e compagnia – riscontrano problemi di audio. La causa non si conosce, ma effettivamente qualche problema sembra esserci. Suono distorto, che sovrasta la voce dei cantanti. Che poi anche questo è uno spunto per spontanee manifestazioni di ironia: "Ma si sentono piano i cantanti oppure sono diventata sorda io per la pubblicità di Celentano?". 

05 febbraio 21:48 Andrea Bocelli e il figlio Matteo corrono in soccorso del Festival

Un primo blocco di 45 minuti leggermente macchinoso, quello che ha aperto Sanremo 2019. Dopo i primi tre quarti d'ora arriva sul palco Andrea Bocelli. Esecuzione al pianoforte de "Il mare calmo della sera" insieme a Claudio Baglioni, che aveva già stuzzicato pubblico e stampa alla vigilia, parlando della prova complicatissima di cantare alla stessa tonalità del tenore. Terza standing ovation della serata. "Se quella sera di 25 anni fa nessuno si fosse alzato in piedi, forse non sarebbe successo niente", le prime parole di Bocelli, e il riferimento di Bocelli è naturalmente a quel Sanremo cui prese parte, proprio un quarto di secolo fa, quando trovò la consacrazione sul palco dell'Ariston, nel 1994, proprio con la canzone eseguita stasera sul palco.

Arriva poi il momento del figlio Matteo, chiamato sul palco a raccogliere simbolicamente il testimone di suo padre. Passaggio di consegne enfatizzato dalle parole dello stesso Bocelli. I due quindi si esibiscono insieme sul palco.

05 febbraio 21:37 Loredana Bertè canta “Cosa ti aspetti da me”, applausi scroscianti dell’Ariston

Curreri, Romitelli e Pulli hanno cucito addosso a Loredana Bertè questa "Cosa ti aspetti da me". Al netto dei suoi tratti caratteristici e inconfondibili, l'artista colpisce per una certa, inaspettata sobrietà, che coincide anche con un'esibizione di un pezzo che funziona. Anche per lei l'applauso della sala è importante, sembra che in qualche modo Sanremo le debba qualcosa.

05 febbraio 21:31 Il Volo torna a Sanremo ed è subito standing ovation dopo “Musica che rest”

Altro numero non proprio esaltante di Virginia Raffaele e Claudio Bisio come intermezzo tra un'esibizione e l'altra. Sul palco adesso c'è Il Volo, vincitori della sola edizione del Festival alla quale abbiano preso parte. "Musica che resta" il titolo del pezzo che portano quest'anno sul palco, con l'obiettivo obbligato di tentare di agguantare almeno il podio. Nella canzone gli elementi pop sono più netti del solo termine di paragone sanremese del 2015. Però quel "Siamo il sole in un giorno di pioggia" è un elemento di ricorsività francamente evitabile. Ma alla fine, comunque si giochi, conta il risultato: standing ovation in sala alla fine della canzone.

05 febbraio 21:24 La prima gag dei tre conduttori, poi i The Zen Circus con “L’Amore è una dittatura”

Dopo 33 minuti di festival arriva la prima gag vera della serata del trio di conduttori. Non è esattamente tra quelle cose che facciano sobbalzare dalla poltrona, va detto. Poi vengono presentati sul palco i The Zen Circus. "L'Amore è una dittatura" il pezzo che portano in gara. Il pezzo ha consistenza, sia a livello musicale che testuale (bello il passaggio "L'anarchia la trovi dentro a un'emozione"). C'è anche l'elemento scenografico, con l'ingresso di sbandieratori sul palco a metà esibizione.

05 febbraio 21:14 Nek canta “Mi farò trovare pronto”

Nek, al secolo Filippo Neviani, è un altro nome conosciuto del Festival. Terzo ad esibirsi con una "Mi farò trovare pronto" che parte adagiata, per poi passare a sonorità più adeguate alle qualità vocali di Nek, che quando va su con la voce dà il meglio di sé. E per la verità lo schema e l'impostazione non paiono molto diversi da quella "Fatti avanti amore" con cui, nel 2015, arrivò a contendere la vittoria a Il Volo, fermandosi a un passo dall'impresa.

05 febbraio 21:07 Nino D’Angelo e Livio Cori cantano “Un’Altra Luce”

Seconda esibizione della serata è una delle più attese di questo Festival, soprattutto per la platea partenopea. Non solo per la presenza di Nino D'Angelo, personaggio oramai mitologico della musica napoletana, ma anche per Livio Cori, dietro il quale, secondo i più accreditati inciuci all'ombra del Vesuvio, si celerebbe LIBERATO. Il refrain "Famme vedè addo arriva sta luce famme vedè" è di facile memorizzazione, il pezzo sembra un mix piuttosto riuscito delle caratteristiche dei due, al netto di qualche sbavatura nell'esecuzione vocale dei due.

05 febbraio 21:03 Francesco Renga apre Sanremo 2019 con “Aspetto che torni”

Francesco Renga viene accolto da un immancabile "sei bellissimo" di incoraggiamento proveniente dal pubblico. È lui ad aprire la gara di Sanremo 2019, ma non manca certo del sangue freddo e dell'esperienza per affrontare la situazione, avendo già all'attivo una vittoria al Festival, quella del 2005 con "Angelo". Porta in gara "Aspetti che torni", di Bungaro, Chiodo, Rakele e Renga. Il verso più significativo del suo pezzo:

C’è un universo che mi riempie le mani
Il mondo si perde
Tu invece rimani

05 febbraio 20:55 Sanremo si apre come si era concluso, nel segno della musica di Baglioni

Sanremo si apre un po' come era finito, in linea con quella overdose baglioniana da molti amata, ma anche criticata, quale era stata l'edizione 2018. Sulle note di "Via", e accompagnati dalle coreografie di Giuliano Peparini (che si è occupato del tour di Baglioni), il direttore artistico, Claudio Bisio e Virginia Raffaele accennano il successo del cantautore. "Ho l'onore e il piacere di presentarvi i miei copiloti", Baglioni presenta così i suoi sodali sul palco. Convenevoli e primi approcci di gag di Raffaele e Bisio per rompere il ghiaccio, ma poi Baglioni torna a pontificare, rifacendosi ai temi di armonia e bellezza come traguardo di questa edizione del festival e augurando buon viaggio agli spettatori.

05 febbraio 20:48 Gigi D’Alessio fa gli auguri ad Anna Tatangelo: “Goditi tutte le emozioni”

Il Festival dentro e fuori dall'Ariston. Chi non è protagonista sul palco riesce ad esserci anche da fuori, viste le connessioni coi protagonisti di questa edizione di Sanremo. È il caso di Gigi D'Alessio, che a pochi minuti dalla diretta della prima serata fa i suoi auguri alla compagna Anna Tatangelo. Tanti i corsi e ricorsi storici sanremesi per la coppia, considerando che proprio dal palco dell'Ariston una giovane Tatangelo inviò un messaggio d'amore al compagno diversi anni fa. Dalla platea arrivò anche qualche fischio, a dimostrazione di una scarsa tolleranza per la coppia. oggi tutto sembra diverso.

05 febbraio 19:47 L’ordine dei cantanti in gara nella prima serata di Sanremo 2019

A poco più di un'ora dall'inizio del Festival di Sanremo 2019 arriva dalla sala stampa l'ordine di esibizione degli artisti in gara che, come precisato nella conferenza stampa di questa mattina, non è determinata da un sorteggio, ma frutto di una valutazione della direzione artistica e l'organizzazione. Nelle prossime serate verrà ovviamente ribaltato e rimescolato. A seguire l'ordine di uscita degli artisti in gara.

Francesco Renga Aspetto che torni
Nino D'Angelo e Livio Cori Un'altra luce
Nek Mi farò trovare pronto
The Zen Circus L'amore è una dittatura
 Il Volo Musica che resta
Loredana Bertè Cosa ti aspetti da me
Daniele Silvestri Argento vivo
Federica Carta e Shade Senza farlo apposta
Ultimo I tuoi particolari
Paola Turci L'ultimo ostacolo
Motta Dov'è l'Italia?
Boomdabash Per un milione
Patty Pravo con Briga Un po' come la vita
Simone Cristicchi Abbi cura di me
Achille Lauro Rolls Royce
Arisa Mi sento bene
Negrita I ragazzi stanno bene
Ghemon Rose viola
Einar Parole nuove
Ex-Otago Solo una canzone
Anna Tatangelo Le nostre anime di notte
Irama La ragazza col cuore di latta
Enrico Nigiotti Nonno Hollywood
Mahmood Soldi