La star del K-Pop Yohan, membro dei TST (noti precedentemente col nome di Top Secret) è morto all'età di 28 anni, come scritto da vari quotidiani internazionali e come poi successivamente confermato con una nota stampa della sua agenzia di management, la KJ Music Entertainment: "Salve, siamo l'etichetta dei TST, siamo distrutti nel comunicarvi la più triste delle notizie. Lo scorso 16 giugno, il membro dei TST Yohan ha lasciato questo mondo. La famiglia di Yohan è in lutto e ha pregato tutti gli articoli sulla morte di Yohan – compresi quelli che speculano sulle possibili cause della morte – di astenersi dal farlo, per rispetto nei loro confronti. Esprimiamo le più profonde condoglianze per la scomparsa di Yohan".

La carriera di Yohan

Il cantante, il cui vero nome è Kim Jeong-hwan, aveva 28 anni e come si è compreso non sono chiare quali siano state le cause del decesso. Il cantante ha trovato la sua popolarità inizialmente come membro del gruppo NOM, per confluire, successivamente, nei TST, che inizialmente si chiamavano Top Secret. Il passaggio avvenne quando la band precedente si sciolse: i TST hanno pubblicato il proprio ultimo – quarto – singolo lo scorso gennaio e negli ultimi mesi era stata impegnata proprio a promuoverlo. Sono stati tantissimi i fan che si sono riversato sia sulla pagina ufficiale della band che su quella personale del cantante per esprimere, anche in inglese, il proprio dolore e le proprie condoglianze. In particolare sono aumentati i commenti sotto a un post della band in cui lo scorso aprile faceva gli auguri proprio a Yohan nel giorno del suo compleanno.

Luci e ombre del mondo K-Pop

Da qualche anno a questa parte il K-Pop è diventato un fenomeno musicale sempre più forte in tutto il mondo, grazie a gruppi come BTS e alle Blackpink che hanno conquistato anche gli Stati Uniti. La prima band, in particolare, è riuscita anche a volare in testa alla classifica americana degli album, facendo da trampolino di lancio definitivo per un movimento che, stando ai numeri, è tra i maggiormente in ascesa. Ma il K-Pop ha anche il suo lato oscuro, la pressione enorme infatti, ha spesso anche conseguenze tragiche, come si è visto negli anni scorsi, quando alcune delle sue star, come Sulli, Seo Minwoo, Goo Harasi sono tolte la vita, a causa dello stress diretto o per le battaglie che stavano portando avanti.