Hitmaker come pochi in Italia, Rocco Hunt e Geolier ritornano con un nuovo singolo "Che me chiamme a fa?", a due anni dalla pubblicazione di "Nisciun", contenuta nell'album "Libertà" del rapper salernitano. Voltandosi indietro, sembra che i due artisti abbiano trovato il loro terreno condiviso, un tappeto rap con sonorità melodico-napoletane nel ritornello, in grado di esaltarne anche le capacità canore. Una storia d'amore maledetta, in cui la sofferenza dei due artisti viene accentuata dalle continue domande, non seguite da rassicurazioni. La ricerca di una donna con cui condividere la propria storia, il proprio impero, senza aver paura di soffrire, affrontando tutte le difficoltà del raggiungimento del successo personale.

Il significato di Che me chiamm a fa?

L'evoluzione di Rocco Hunt negli ultimi anni sembra aver influenzato moltissimo il suo modo di approcciarsi alla collaborazione con alcuni artisti, su tutti Geolier, arrivato alla seconda partecipazione in un brano del rapper salernitano. Se aveva sorpreso il successo di "Nisciun", pubblicato quasi due anni fa nell'album "Libertà" di Rocco Hunt, sorprenderà molto meno il successo del nuovo singolo della coppia campana "Che me chiamm a fa?". Il brano, che sembra giocare su vibe lente, in un climax ascendente che porta la canzone ad esplodere nel ritornello, curato da entrambi gli artisti, ricorda molto il suo predecessore. Le immagini ci mostrano il tentativo forsennato di Rocco Hunt e Geolier nella conquista della propria amata, tra un forte sentimento di gelosia, come quando il primo canta "Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’, dincell’ o munn’ stamm assiem’, si care tu me mantien", e la raffigurazione del ragazzo di strada, come quando Geolier scrive: "So nu guaglione e strada e se n’è accort' mamm’ e babb’, e quanno parl' annanz a loro in italian sbaglj’". Le differenze tra i due si osservano soprattutto nel finale delle rispettive strofe, con Rocco Hunt che pone chiari riferimenti alla figura del figlio e la sua crescita, mentre dall'altra parte Geolier fotografa Miami come l'unica via di fuga per stare bene assieme. La differenza d'età tra i due artisti, unita alla fascia di pubblico di riferimento, potrebbe esserne il motivo.

Il testo di Che me chiamma a fa?

Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

Si vuo’ te scrivo na poesia
Si però je nun so’ Neruda
E tu nun si’ mica a primma scem’
Ca pe chiacchier s’illude
Tu a cunusc’ a vita mia
Sanguisughe e barracuda
Forse è meglio a nun sape’
Nun durmisse nu minuto
Na regin’ vo’ a nu re
Si ma o’re tiene n’impero
E pe cumbatter’ e nemic
Nun a vede pe juorne intere
Essa se sente trascurata
Ma a’ fore pare invincibile
Cissà addo a trov’ a forz’
E se crescxere natu’ principe
Ehi

Ma pecché nun ce stai maje quanno te voglio?
Ma pecché me faje ‘sta faccia si te spoglio?
Me pare ca nun te import’ e me
E je nun nt’e vogl mentene’

Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien
Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

Yeh
Pecché me ric ca nun t’am
Ij nun e dic certi cos’
Per dicer quant’ t’am ancor anna inventà e pparol’
O saje m’escludo a tutt quante e dic ca me sent’ sul
Tu si bella comm a che
Chiu assaje vestut, no a’nnur
Ma che piens’ e me?
Quann parlan tutt’ quante
Pecché giustament lor ancor nun o sanno
So nu uaglione e strad e se n’e’ accort mamm’ e babb’
E quann parl annanz a lor in italian sbagl’
T’accat aniell e Tiffany
Ma vestut Nike
Iammucenn’ a Miami
Si nu quadr’ e Dalí
Nun me cerca scus’
M’nvent na scus’ po vac
Tu ‘nvient na scus, rimman

Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

Ma allor’ a notte che me chiamm’ a fa?
Si overament nun ce tien’
Dimme pecché mo triemme?
Je mo’ ccu te nun voglio cchiu’ pazzia’
Dincell’ o munn’ stamm assiem’
Si care tu me mantien

Il 2020 di Rocco Hunt e Geolier

Un 2020 da assoluto protagonista per Rocco Hunt, anche grazie alla produzione di "A un passo dalla luna", in collaborazione con l'artista spagnola Ana Mena. Il brano, che ha collezionato quattro dischi di platino, occupando la prima posizione della Top Singoli Fimi per nove settimane, ha avuto anche un successo incredibile all'estero: dopo aver collezionato due dischi d'oro in Svizzera, la sua versione spagnola ha vinto il triplo patino nel paese iberico, in cui è stata dichiarata anche il brano più passato dalle radio spagnole. Destino simile per Geolier, che dopo aver pubblicato la deluxe del suo album d'esordio "Emanuele", è diventato anche uno dei protagonisti dell'estate 2020, collaborando con Sfera Ebbasta nel singolo "M'Manc". La canzone ha da poco superato i 70 milioni di stream su Spotify, diventando in breve tempo un tormentone anche su TikTok, riprodotto in oltre 210mila video.