Dopo aver terminato il 2020 con la produzione dei due singoli "Ragazzi della nebbia" e "Emily", il produttore milanese Mace ha annunciato l'uscita del nuovo album, che sarà pubblicato il prossimo 5 febbraio: "Obe". Ad aumentare l'attesa per il suo progetto, l'annuncio del nuovo singolo estratto dall'album, che ha come ospiti due delle figure più interessanti della scena hip hop italiana. Il titolo del brano, uscito l'8 gennaio, è "La canzone nostra" e da una parte ritroviamo Salmo, nell'ultimo anno concentrato nello sviluppo della Machete Crew, con l'attesa che aumenta su un suo probabile progetto personale. Dall'altra parte Blanco, una delle rivelazioni del 2020 con la trilogia "Ladro di fiori", "Notti in bianco" e "Belladonna". Una forte anima punk, che caratterizza tutti gli artisti coinvolti, intrecciata alle sonorità elettroniche di cui Mace spesso si serve, sembrano creare l'atmosfera perfetta per uno dei primi singoli dell'anno, un progetto carico di aspettative.

Come nasce il brano

Le due anime punk del rap italiano sembrano essersi ritrovate nel posto giusto, al momento giusto. Blanco e Salmo saranno gli ospiti del nuovo singolo estratto dal nuovo album del produttore milanese Mace "Obe", in uscita il prossimo 5 febbraio. Il brano, intitolato "La canzone nostra", è il primo passo di un viaggio nato la scorsa estate attraverso l'intreccio di suoni elettronici e musica da ambiente. Il singolo, uscito l'8 gennaio, cerca di esaltare le caratteristiche dei due cantanti, creando anche distorsioni sonore che cercano di aprire e proiettare l'ascoltatore all'interno di un vortice. La produzione di Mace veste molto bene il tono melodico di Blanco, che cerca di restituire la sofferenza del brano, attraverso una strofa con sonorità molto profonde. Dall'altra parte Salmo recide il filo connettivo con Blanco attraverso una strofa che si concentra più sugli incastri e meno sulle personalizzazioni vocali, con il brano che diventa una continua variazione musicale da rincorrere. Il singolo cerca di raccontare tutti gli aspetti di una relazione, da quello estremo e viscerale riportato da Blanco, a dei toni maggiormente riflessivi di Salmo, coniugati dal tappeto elettronico di Mace.

Le nuove sonorità di Mace

Mace è in questo momento uno dei produttori più attesi sul mercato discografico, in grado di concentrare un completo set di suoni nuovi per le atmosfere hip hop elettroniche italiane, un esperimento che già lo scorso anno aveva dato ottimi risultati. Dopo aver cominciato il 2020 con le produzioni per Venerus in "Canzone per un amico" e per Gemitaiz in "Bianco/Gospel", il beatmaker milanese aveva sorpreso tutti gli addetti ai lavori, unendo mondi completamente distanti in "Ragazzi della nebbia", dove a collaborare sulla sua produzione erano finiti il gruppo Fsk, insieme a una delle stelle del pop italiano come Irama. Il 2021 di Mace sembra essere alle porte, con un progetto a inizio febbraio, che potrebbe alzare anche l'attenzione del rap game in Italia, magari alzando l'asticella per i progetti personali dei produttori, un processo che in Italia non è consueto, ma lo potrebbe diventare. Negli ultimi anni ci aveva pensato Night Skinny, adesso sembra essere arrivato il momento di Mace.