Mahmood sul palco dell’Eurovision (LaPresse)
in foto: Mahmood sul palco dell’Eurovision (LaPresse)

Nel nuovo regolamento di Sanremo 2020 cambia leggermente la parte dedicata all'Eurovision Song Contest. Da quest'anno, infatti, gli artisti dovranno preventivamente dare il proprio assenso alla partecipazione alla rassegna internazionale previa l'esclusione da parte della Rai. Nel 2015 gli Stadio vinsero il Festival di Sanremo con "Un Giorno mi dirai" ed erano i candidati a partecipare all'Eurovision Song Contest. Da qualche anno, infatti, il regolamento del festival prevede che sia il vincitore a rappresentare l'Italia in quel contesto internazionale. Eppure Gaetano Curreri, uno che la musica l'ha attraversata da protagonista e conosce bene le regole del gioco, si tira indietro, rinuncia alla partecipazione perché, spiega, non è quello il loro contesto, si sentirebbero pesci fuor d'acqua e probabilmente la canzone non verrebbe apprezzata e capita a dovere. Si aprono le porte per la seconda classificata, ovvero Francesca Michielin che con "Nessun grado di separazione" era arrivata al secondo posto e, chiaramente, accetta di partecipare. La cantante va, così, in Svezia, dove si classifica al sedicesimo posto.

Cosa dice il regolamento del Festival sull'Eurovision

Da oggi, però, si cambia e il giorno stesso in cui si saprà il vincitore del Festival sapremo anche chi parteciperà all'ESC 2020: "L’Artista vincitore del 70° Festival della Canzone Italiana (sezione CAMPIONI) parteciperà, in rappresentanza dell’Italia, all’edizione 2020 dell’Eurovision Song Contest, su richiesta di RAI. Gli Artisti interessati all’eventuale partecipazione alla manifestazione e le rispettive Case discografiche saranno tuttavia tenuti a consegnare preventivamente a RAI – nei tempi da quest’ultima indicati e comunque non oltre la data della Prima Serata del Festival – il modulo di accettazione alla partecipazione all’Eurovision Song Contest 2020 (fornito dall’Organizzazione del Festival) debitamente firmato" si legge nel regolamento ufficiale in cui si specifica anche che "nel caso che l’Artista vincitore del Festival non consegni il modulo nei tempi indicati, RAI si riserva il diritto di scegliere l’Artista che la rappresenterà all’Eurovision Song Contest secondo propri criteri, senza che il suddetto Artista vincitore abbia nulla a pretendere".

Il successo di Mahmood all'Eurovision

Lo scorso anno vinse Mahmood con "Soldi" ma nelle ore successive non era stato ancora chiarito se il cantante avesse intenzione o meno di andare a Tel Aviv con la canzone. La storia adesso è nota, non solo il cantante milanese è andato, ma è arrivato secondo e quel palcoscenico è stato un trampolino di lancio fondamentale per la sua carriera, che si è allargata anche all'infuori dei confini nazionali, finendo in testa in Paesi come Israele, Spagna, Grecia e finendo anche al Parlamento Europeo, prima della partenza del suo tour europeo.