Non ce l'ha fatta per un soffio Mahmood, che ha sfiorato la vittoria all’Eurovision Song Contest 2019 con il brano vincitore del Festival di Sanremo 2019 "Soldi" e si è piazzato al secondo posto (con 465 punti totali) dietro al vincitore Duncan Laurence (che ne ha raccolti 492). Il cantautore milanese ha entusiasmato l'arena di Tel Aviv (nel video in basso, la sua esibizione), ma l'apprezzatissima performance non è bastata per raggiungere la prima posizione, sfuggita per appena 27 punti. Resta ancora a bocca asciutta l'Italia, spesso e volentieri nelle prime posizioni ma capace di vincere la competizione solo nel 1964 (Gigliola Cinquetti, "Non ho l'età") e nel 1990 (Toto Cutugno, "Insieme: 1992").

Mahmood ha vinto il Composer Award

Il nostro Paese ha però di che consolarsi. Mahmood ha inoltre conquistato il Composer Award, il premio attribuito alla miglior composizione tra i brani in gara nell'edizione. "Soldi", scritta dallo stesso Alessandro Mahmoud con Dario “Dardust” Faini e Charlie Charles, è il primo brano italiano ad aver vinto questo riconoscimento. Il Composer Award è uno dei tre premi (con il Press Award e l’Artistic Award) che costituiscono il Marcel Bezençon Award, istituito nel 2002 e intitolato al primo direttore generale della European Broadcasting Union. In passato, L'Italia aveva già conquistato il Press Award con "Grande amore" de Il Volo nel 2015 e "Occidentali's Karma" di Francesco Gabbani nel 2017, mentre nessun artista italiano ha mai vinto l’Artistic Award, che premia la performance globale.

Mahmood all'Eurovision 2019

Arrivato all'Eurovision Song Contest come uno dei possibili favoriti, Mahmood ha coronato un grande percorso che in pochi mesi l'ha portato dalla vittoria a Sanremo Giovani a quella nel Festival della Canzone italiana: un trionfo non senza polemiche (per via delle critiche razziste di parte del pubblico alle origini in parte egiziane), che tuttavia gli ha regalato i primi posti in classifica e la grandiosa vetrina dell'Eurovision. Mancata vittoria a parte, la sua "Soldi" si è piazzata al primo posto tra i brani in gara più ascoltati su YouTube. Peccato per quelle imbarazzanti domande della poco informata stampa internazionale ("Fai il Ramadan? Vivi in un ghetto?"), cui il cantante ha però risposto con la pazienza e la gentilezza che lo contraddistingue.