È difficile non pensare alle Bollicine di Vasco Rossi quando ci si approccia alla nuova canzone di Chadia Rodriguez "Coca Cola", quasi un product placement nella discografia della rapper che in un anno è diventata un vero e proprio fenomeno della musica italiana, con un pugno di singoli e un Ep "Avere 20 anni" uscito pochi mesi fa, mattone in più a un percorso che, per adesso, è fatto soprattutto di singoli, come vuole la nuova moda discografica trainata dalle playlist delle piattaforme di streaming. Ancora una volta la produzione è affidata a Big Fish, che ha preso Chadia per meno un anno fa portandola al centro del rapgame.

Chi è Chadia Rodriguez

Un mondo declinato principalmente al maschile, come noto, ma che grazie a lei e poche altre ha cominciato subire qualche squarcio e i suoi numeri parlano chiaro con oltre 45 mln di visualizzazioni su YouTube con i video ufficiali ("Bitch 2.0", "Sister", "3G", "Sarebbe comodo") quasi 39 mln di stream su Spotify con i 6 brani raccolti nell’EP “Avere 20 anni”. In poco tempo Chadia, insomma, si è presa il suo spazio e poche settimane fa ha ottenuto anche il suo primo disco d'oro per "Fumo Bianco": "‘Fumo Bianco' è disco d’oro. Si sta realizzando un sogno dietro l’altro con una velocità incredibile ed è grazie a voi" ha scritto sulla sua pagina Instagram, dove ha presentato anche il nuovo singolo.

Di cosa parla Coca Cola

Restando al significato letterale la canzone è un inno alla nota bevanda, con varie citazioni a Vasco Rossi ("Sembra il movimento di notte in strada batta-glia con tutte quelle, tutte, tutte quelle…") e versi come "Le bolle che friggono nella gola che quasi gli tolgono la parola chi puoi farne a meno (chi?)". Ovviamente i riferimenti sono tutti all'estate ("Vado al mare, faccio colazione e torno Lui gli occhi a mandorla, dico tipo Tai-chi"), alla vita notturna, compresa qualche puntata – ancora una volta – alle pasticche ("Tutta l’estate con i piedi dentro all’acqua, dormiamo mangiando pillole come Pac-Man (wo-wo). Tutti in fila per il drink come va, ya sembra il movimento di notte in strada battaglia"). Chissà se anche Chadia dovrà affrontare le interpretazioni che toccarono anche a Vasco, accusato di aver scritto un inno alle droghe, da cui però prese le distanze spiegando che "Bollicine è un ironico e feroce atto d’accusa verso la pubblicità che ci condiziona, trasmette falsi valori e crea nuovi e inutili bisogni. Coca-Cola non si capisce perché dentro una mia canzone acquista il significato di un inno alla cocaina mentre la bibita gassata da quasi cento anni si chiama così e a nessuno è mai venuto in mente di denunciarla e chiedere che ne fosse cambiato il nome".