Gigi D'Alessio ha annunciato che il suo nuovo album si chiamerà "Noi due" e uscirà il prossimo 18 ottobre. Lo ha fatto con un post sui suoi social in cui mostra anche la copertina del nuovo lavoro del cantante napoletano, che arriva a poco meno di due anni dal precedente "24 febbraio 1967", che prendeva il nome dalla sua data di nascita e seguì la sua ultima partecipazione al festival di Sanremo: "Per ora vi posso solo dire tre cose: il nuovo album si intitola “NOI DUE”, uscirà il 18 ottobre e da domani sarà disponibile in preorder" ha scritto il cantante su Instagram, specificando che "per tutte le altre sorprese dovrete aspettare ancora qualche giorno… e dovrò aspettare anch’io, perché non vedo l’ora di raccontarvi tutto 😜 Ed ecco a voi anche la copertina del nuovo disco, vi piace?".

Un album dai colori sudamericani

Il cantante ha già pubblicato due canzoni che probabilmente finiranno proprio in questo suo nuovo lavoro, "Quanto amore si dà" e "Domani vedrai", brani dal sapore sudamericano che, a quanto ha appreso Fanpage.it, saranno anche colori che caratterizzeranno altri pezzi di questo nuovo lavoro di D'Alessio, che per il primo singolo ha lavorato assieme a Guè Pequeno, suo collega nell'ultima edizione di The Voice of Italy, il talent di Rai Due in cui il cantante ha fatto da coach assieme a Elettra Lamborghini e Morgan. Il titolo, però, richiama senza dubbio un mood che i fan del cantante conoscono bene, quello più romantico che tra qualche settimana i fan potranno vedere come si espliciterà in musica.

Gigi D'Alessio, album chiuso mentre lavorava con Nino D'Angelo

Sulla copertina c'è il cantante a figura intera, con lo sguardo che è indirizzato verso il basso, con un suo doppio ombrato, sia per quanto riguarda la sua figura che per quanto riguarda la "G" di Gigi che è l'altro elemento portante dell'idea grafica. Il cantante ha chiuso gli ultimi dettagli dell'album da pochi giorni, proprio mentre era impegnato nella preparazione di una tripla serata che lo ha visto protagonista assieme a Nino D'Angelo, entrambi figli del Re Minore Mario Merola a cui hanno dedicato le serate che si sono svolte all'Arena Flegrea di Napoli.