Diodato a Sanremo 2020 (LaPresse)
in foto: Diodato a Sanremo 2020 (LaPresse)

Cosa ha vinto Diodato vincendo il Festival di Sanremo 2020? Qual è il premio che si aggiudica il vincitore della più importante kermesse canora italiana? Nessuno, almeno ragionando in termini strettamente di montepremi. Per il vincitore del Festival di Sanremo, infatti, non è previsto alcun premio in denaro, né è previsto per gli altri premi che si assegnano durante le cinque serate del Festival. La vittoria, però, porta un indotto enorme e una visibilità che in Italia, nell'immediato, probabilmente non dà nessun altro concorso. È lo stesso regolamento di Sanremo a specificare che "I premi consegnati nel corso di Sanremo 2020 avranno tutti un valore simbolico": inclusi, quindi, anche i Premi della Critica, Premio al Miglior Testo e Premio alla Migliore Composizione Musicale, oltre a quello per la vittoria nella categoria delle Nuove Proposte.

Un'enorme visibilità mediatica

I cantanti e le case discografiche ammesse a concorrere per la vittoria del Festival, inoltre, sono chiamate – a parte un rimborso Rai – a sostenere da sé le spese per tutto ciò che concerne il periodo festivaliero. Eppure, nonostante ciò, partecipare al Festival ha un ritorno anche per chi non vince. Durante quei giorni, infatti, esiste una visibilità mediatica che non esiste in altri periodi dell'anno, oltre a esserci i maggiori media italiani e anche internazionali, i cantanti hanno la possibilità di esibirsi nel più importante programma televisivo della televisione italiana, che anche quest'anno ha confermato dati importantissimi, con record su record e circa dieci milioni di media a puntata con share che è stato sopra al 50% con picchi dell'80%.

L'indotto derivante dal Festival di Sanremo

Diodato, quindi,  – ma anche Francesco Gabbani e i Pinguini Tattici Nucleari, che hanno condiviso il podio con lui – non ha vinto soldi, ma sicuramente un indotto importantissimo. C'è stata sicuramente un'impennata degli streaming, con "Fai rumore" che è diventato il brano più ascoltato del cantante tarantino, ci sono ovviamente ospitate in televisione e in radio, ci saranno probabilmente una serie di sponsor che si faranno avanti, c'è un indotto che si materializzerà anche nelle vendite degli album ma soprattutto nella chiusura di date live – che più dei cd e degli streaming permettono a un cantante di sopravvivere -, un incremento dei diritti Siae ("Fai rumore" circolerà tantissimo), senza contare che per Diodato si sono anche aperte le porte all'Eurovision Song Contest, dove il cantante rappresenterà l'Italia.

L'Eurovision Song Contest

E se si guarda agli anni scorsi è importante notare l'importanza che l'Italia ha nella manifestazione europea. Mahmood, per esempio, ha ottenuto una estrema visibilità anche all'estero grazie alla sua "Soldi", ma valse lo stesso anche con Francesco Gabbani di "Occidentali's Karma"o per Il Volo, per citare un altro progetto che ottenne enorme successo. L'Italia, grazie a Diodato, è data tra i favoriti anche quest'anno e per un bel periodo il cantante di "Fai rumore" potrà sfruttare anche questa importante vetrina internazionale. Poi starà a lui essere bravo a capitalizzare tutto questo enorme successo. Inoltre il suo nome è ormai sulla bocca di tutti. Insomma, vincere Sanremo, pur senza un montepremi finale, conviene. Ma era cosa nota anche senza fare i conti in tasca al Festival.