24 Giugno 2010
12:28

Waka Waka di Shakira non soddisfa gli africani

Shakira sbaglia la pronuncia del testo africano di Waka Waka suscitando lo scontento degli africani.
A cura di Valentina Scionti
Shakira

Sarà anche la canzone del momento ovunque nel mondo, ma c'è qualcuno per cui Waka Waka di Shakira non ha alcun effetto.

Ovviamente si tratta degli africani, che già poco avevano apprezzato che fosse una straniera ad interpretare l'inno dei "loro" mondiali. Le polemiche riguardanti la provenienza degli artisti invitati al concerto d'apertura dell'evento, infatti, avevano occupato le settimane precedenti i Mondiali. Black Eyed Peas, Alicia Keys, Shakira e Juanes, infatti, non erano sembrate scelte soddisfacenti per un'ambientazione sudafricana.

Se poi Shakira dimostra di non saper pronunciare bene il testo in dialetto camerunese inserito nel ritornello della sua canzone, gli africani proprio non riescono a perdonarla. E così mentre il resto del mondo si diverte e si scatena al ritmo di Waka Waka, gli africani rimangono completamente al di fuori di tale entusiasmo, sentendosi più che altro esclusi dalla loro stessa cultura, affidata ad una voce straniera.

Nonostante tutte le polemiche, però, Shakira rimane ancora una volta la prescelta per intrattenere la folla in occasione della gran finale dei Mondiali di Calcio che si terrà il prossimo 11 luglio.

Sicuramente la bella e talentuosa cantante colombiana avrà il tempo di esercitarsi per megliorare la propria pronuncia e non deludere così i padroni di casa di questo grande evento sportivo e in un certo senso culturale.

Waka Waka di Shakira dimostra l'inutilità dei
Waka Waka di Shakira dimostra l'inutilità dei "cross-over"?
Waka Waka di Shakira: la canzone dei Mondiali 2010 in Sudafrica
Waka Waka di Shakira: la canzone dei Mondiali 2010 in Sudafrica
Waka Waka ha fatto appassionare Shakira al calcio
Waka Waka ha fatto appassionare Shakira al calcio
Alessandra De Stefano a lutto per Davide Rebellin:
Alessandra De Stefano a lutto per Davide Rebellin: "In Italia si muore ancora in bici"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni