Rocco Hunt accelera il discorso sul prossimo album e torna a parlare di musica annunciando le canzoni di "Libertà", prossimo lavoro in uscita il 30 agosto. Con un post su Instagram, infatti, il rapper salernitano svela la tracklist e soprattutto tutte le collaborazioni, tra cui spiccano quelle con Achille Lauro, J-Ax e i Boomdabash – coin cui aveva collaborato in "Per un milione", hit dello scorso Festival di Sanremo -, l'amico Clementino e una doppia collaborazione con Gemitaiz e Speranza.

La tracklist completa

La tracklist completa dell'album, quindi, è questa: "Mai Più" feat. Achille Lauro, "Nun Se Ne Va", "Ti Volevo Dedicare" feat. J-Ax e Boomdabash, "Maledetto Sud" feat. Clementino, "Street Life", "Nisciun feat. Geolier", "Buonanotte Amò", "Se Tornerai" feat. Neffa, "Discofunk", "Nun Me Vuò Bene Cchiu", "Libertà", "Grande Bugia", "Nun È Giusto", a cui si aggiungono le Bonus Track che sono anche i singoli già usciti: "Benvenuti In Italy", "Cuore Rotto (Infamous Version)" feat Gemitaiz e Speranza e "Ngopp A Luna" feat Nicola Siciliano.

Le collaborazioni di Libertà

Se alcune collaborazioni non sconvolgono, anzi forse erano anche attese, come quella con l'amico Clementino e quella con la band salentina, da un'altra parte Rocco Hunt rafforza le collaborazioni con i rapper campani, oltre a quella con Nicola Siciliano che abbiamo già ascoltato, infatti, c'è l'inserimento del casertano Speranza, fenomeno del gangsta rap nazionale, quello con Geolier e quello con un padre del rap italiano come Neffa, più quella con il compagno di scuderia (sono entrambi in Sony) Achille Lauro che ricambia il feat di "Ammò" e J-Ax.

Rocco Hunt lascia la musica. Anzi no

Pochi giorni fa il rapper salernitano è diventato un caso nazionale a seguito del suo annuncio di voler lasciare la musica perché privato della libertà e ormai sconfortato dalle problematiche che seguivano la data di uscita dell'album: "Mollo tutto" aveva scritto creando un enorme tam tam e prima di fare marcia indietro a seguito, ha scritto, di una situazione che si era sbloccata. Il rapper, poi, ha anche voluto negare le accuse che gli sono state rivolte per quella che è sembrata a tanti un'operazione di marketing.