Il cantante R. Kelly (Getty Images)
in foto: Il cantante R. Kelly (Getty Images)

Attraverso il suo legale, R. Kelly, il cantante americano accusato da diverse donne di abusi e violenze nel corso degli ultimi 20 anni, si difende negando qualsiasi tipo di condotta scorretta. Le polemiche hanno ripreso vigore dopo l'indagine partita a seguito della messa in onda, da parte di LifeTime del documentario "Surviving R. Kelly" in cui si raccoglievano alcune testimonianze di donne che hanno ammesso di essere state vittime del cantante, alcune di essere state testimoni anche di rapporti sessuali con ragazze minorenni, un'onda che sta travolgendo Kelly e che ha fatto prendere posizione anche a molti suoi colleghi, alcuni dei quali, come Lady Gaga, che ci aveva collaborato e che pentendosi hanno promesso di non averci mai più a che fare.

"Accuse non reali"

"Le accuse non sono reali, Kelly non ha mai fatto sesso coscientemente con donne minorenni e non ha mai forzato nessuno a compiere nulla, non ha mai tenuto prigionieri nessuno né abusato" ha detto l'avvocato Greenberg rispondendo ad alcune delle accuse fatte al suo assistito. Alcune inchieste del passato avevano posto l'attenzione sulla presunta capacità manipolatoria del cantante che avrebbe costretto alcune donne a una sottomissione fisica e psicologica, ma proprio il non aver mai costretto nessuno a far nulla è stata sempre una delle armi di difesa, come avvenuto quando il giornalista Jim DeRogatis scrisse un lungo articolo su Buzzfeed in cui parlo di una sorta di setta sessuale.

Alcuni punti oscuri anche al legale

L'Associated Press che ha intervistato il legale scrive che però Greenberg ha anche ammesso di non avere molti dettagli a riguardo, che in passato molte donne si sono avvicinate al cantante nella speranza di dare una spinta alla propria carriera e quando le aspettative non si sono trasformate in conferme avrebbero inventato false accuse contro Kelly. Il legale ha anche spiegato che non può neanche dire se Kelly abbia mai incontrato o meno quelle donne "una notte, mentre beveva qualcosa o partecipava a una festa" o se abbiamo mai dormito assieme: "Ma ha spiegato che questa cosa non era fondamentale per se mentano o meno – scrive l'AP -, dal momento che nessuna di loro è mai andata dalla Polizia o abbia presentato a qualcuno prove di violenza fisica".

La carriera di R Kelly

L'avvocato ha anche sottolineato la coincidenza della messa in onda del documentario in tempi in cui le accuse di cattive condotte sessuali abbiano inficiato le carriere di molti uomini famosi, spiegando che, però, tutto questo non avrà conseguenze sulla carriera del cantante anche perché le volte in cui le canzoni del cantante sono state ascoltate in streaming in questi ultimi tempi, ad esempio, sono aumentate.