Lady Gaga (Getty Images)
in foto: Lady Gaga (Getty Images)

Interviene anche Lady Gaga sul caso R. Kelly, il cantante americano accusato da anni di abusi e violenze da parte di alcune donne. Il caso è tornato d'attualità in maniera prepotente a seguito della messa in onda di un documentario di LifeTime intitolato ""Surviving R Kelly" in cui una serie di testimonianze parlano dei presunti abusi perpetrati dal cantante di "I believe I can Fly" che ieri è stato indagato dal Procuratore Distrettuale della Contea di Fulton, in Georgia, il cui ufficio è stato inondato di telefonate a seguito della messa in onda del documentario. Il cantante,tramite i suoi avvocati, ha sempre rigettato le accuse e fino a ieri non vi erano state accuse formali anche perché le donne, maggiorenni, non hanno mai agito come sottolineava anche un pezzo di Buzzfeed del giornalista Jim DeRogatis che segue il caso da anni.

Non lavorerò mai più con lui

"Non lavorerò mai più con R Kelly", la cantante prende le distanze da colui con cui, in passato, ha collaborato, annunciando che toglierà dai siti di streaming "Do What U Want" la canzone contenuta in "ARTPOP" che vedeva la collaborazione di Kelly e che, promette, non canterà mai più. Lady Gaga ha pubblicato un post sul suo Twitter in cui dice di stare al 1000% al fianco delle donne che hanno testimoniato le violenze: "Sono con queste donne al 1000%, le credo, so che stanno soffrendo e sono impaurite e so molto bene quanto le loro voci debbano essere ascoltate e prese seriamente. Quello che ho sentito riguardo le accuse a R Kelly è assolutamente orribile e indifendibile. Come vittima di violenza sessuale realizzai sia la canzone che il video in un momento buio della mia vita, la mia intenzione era creare qualcosa di ribelle e provocatorio perché ero arrabbiata e non avevo ancora fatto i conti con il trauma che mi era capitato".

L'appello alle vittime di violenza

La cantante, quindi, parla della canzone del suo contenuto, ma anche di come si sarebbe mossa, di ciò che adesso direbbe alla lei di qualche anno fa: "La canzone si chiama ‘Do What U Want (With My Body)' – "Fa quello che vuoi (col mio corpo)" – e credo sia chiaro quanto esplicito fosse il messaggio al tempo. Se potessi tornare indietro nel tempo e fare due chiacchiere con la me giovane le consiglierei di andare in terapia così da poter comprendere la confusione dello stato post traumatico in cui mi trovavo o, nel caso in cui la terapia non fosse stata possibile per me o chi si fosse trovato nella mia situazione, cercare aiuto, almeno, e parlare quanto più apertamente e onestamente possibile di quello che è successo" ha scritto la cantante che, anni fa, ammise di aver subito violenze da persone interne al mondo della discografia.

Via la canzone dalle piattaforme streaming

"Però non posso tornare indietro – ha continuato Lady Gaga – ma posso andare avanti e continuare a supportare le donne, gli uomini e le persone di ogni identità sessuale e di tutte le razze che sono vittime di aggressioni sessuali. Ho dimostrato qual è la mia linea su questo e altri argomenti attraverso la mia carriera. Non condivido questo per scusarmi ma per spiegare: finché non capita a te, non puoi sapere come ci si sente, ma io so come mi sento adesso. Rimuoverò la canzone da iTunes e tutte le piattaforme di streaming e non lavorerò mai più con lui (R Kelly). Mi dispiace, sia per il mio povero giudizio quando ero più giovane, e per non aver parlato prima".