Nino D’ANgelo e Livio Cori (ph. Flavio e Frank)
in foto: Nino D’ANgelo e Livio Cori (ph. Flavio e Frank)

Nino D’Angelo e Livio Cori saranno insieme protagonisti sul palco del Teatro Ariston con la canzone “Un’altra luce”, progetto targato Sugar. Un duetto inedito che vede incontrarsi uno degli artisti che ha segnato un pezzo di storia della musica italiana e una delle voci più intense e interessanti della nuova scena urban napoletana, due generazioni a confronto unite dalla stessa terra e dalla stessa passione per le storie di vita vissuta: "‘Un’altra luce' è un dialogo tra due facce di Napoli che si confrontano sotto il comune denominatore della musica' si legge nella nota stampa. Il brano unisce napoletano e italiano ed è stato scritto da Nino D’angelo e Livio Cori insieme a Big Fish, e presenta sonorità soul internazionali, sotto la produzione di Big Fish, Gianclaudio Fracchiolla e Frank Fogliano. La presenza di Big Fish spiega anche il motivo per cui nella serata dei duetti, quella del venerdì, assieme ai due ci saranno i Sottotono, gruppo con cui Big Fish, uno dei produttori italiani più noti, ha trovato la popolarità.

Cori senza autotune a Sanremo

Se per Livio Cori questo è l'esordio assoluto sul palco del Festival di Sanremo, per Nino D'Angelo è un ritorno, l'ennesimo in una nuova veste: fu su quel palco quando aveva il caschetto, era il 1986, ci tornò nel 1999 con "Senza giacca e cravatta", nel 2002 con "Marì", nel 2003 con "‘A storia ‘e nisciuno" e nel 2010 con "Jammo jà". I due condividono anche un pezzo di storia artistica, entrambi, infatti, hanno fatto Cinema, con D'Angelo star della tv negli anni '80 e Livio Cori che esordito come attore nella terza stagione di Gomorra – La serie di culto di Sky per cui ha scritto anche un brano “Surdat” della colonna sonora. A differenza di quanto ascoltato qualche settimana fa Livio Cori non usa l'autotune, ovvero il software che modifica la voce creando un effetto quasi marziano.

Nuovo album per Cori, live con D'Alessio per D'Angelo

Nei prossimi mesi, a livello discografico, invece si attende il nuovo lavoro di Cori che segnerà il suo esordio per Sugar, mentre Nino D'Angelo sarà impegnato con il progetto live che lo vedrà protagonista assieme a Gigi D'Alessio per tre date a giugno. Un'altra curiosità che accompagnerà la coppia nei giorni sanremesi sarà anche il fantasma di Liberato, che per qualcuno ha proprio Livio Cori come voce.

Il testo di Un'altra luce

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire