È impossibile non aver notato la coincidenza (casuale, ovviamente) di uno strano incrocio tra musica e televisione, niente di nuovo, ovviamente, soprattutto se si guarda ad esempi come Raffaella Carrà, ma sicuramente fa strano vedere contemporaneamente l'uscita di due prodotti molto diversi tra loro ma accomunati dal fatto che protagoniste sono due delle presentatrici più popolari della televisione italiana che si sono gettate per gioco nella music battle italiana, con due mood diversi ma comunque strizzando l'occhio a quello che sta succedendo nel Paese in questi anni: da una parte, infatti, c'è Michelle Hunziker che spinta da J-Ax e dalla partenza del loro programma assieme "All together now" si è data alla trap, la musica che in questi ultimi anni ha avuto un'impennata di popolarità grazie ad artisti come Ghali e Sfera Ebbasta, dall'altra c'è, invece, Barbara D'Urso, oggi una delle conduttrici più popolari della tv italiana, ma negli anni '80, aspirante cantante con un sinolo "Dolceamaro" tornato in auge grazie al lavoro fatto da Cristiano Malgioglio che ha spiegato di aver trovato il disco mettendo ordine nelle sue cose e di essersene innamorato di nuovo.

La trap di Michelle Hunziker con Mishkere

Il risultato di questi due progetti che, immaginiamo, sono progetti una tantum, senza un ritorno, insomma, è che Michelle Hunziker è prima nei trend di Youtube con "Michkere", ovvero la canzone che gioca con il suo passato artistico (passando da Paperissima Sprint a Striscia la Notizia), la pubblicità di Roberta, il film con Alberto Tomba "Alex l'Ariete" fino alla citazione della stessa D'Urso e del marito Tommaso Trussardi (che è nel video assieme, ad esempio, a Fabio Rovazzi e alla figlia Aurora Ramazzotti che è protagonista dell'inizio e della fine del video). Il prodotto, benché parodistico, è ben fatto, gioca con gli stilemi del genere sia nel linguaggio (i giochi di parole, termini come ‘bitch', e anche il titolo che rimanda all'eskere che i fan della trap conoscono bene).

L'elettro-pop di Barbara D'Urso

La D'Urso, invece, si inserisce appieno in quel solco creato dall'It-Pop italiano di questi ultimi anni che pesca a piene mani dagli anni '80, sia nell'estetica che nel suono, con i sintetizzatori in primo piano di Dolceamaro, di cui è stato pubblicato anche il video. E in effetti, rispetto all'estetica con cui gioca la Hunziker è molto più a suo agio in quelle vesti, con Malgioglio che si prende un po' di luci e rinfresca un pezzo che era caduto nel dimenticatoio, ma che, ci scommettiamo, sarà un must delle discoteche estive.

Hunziker e D'Urso tra promo e divertissement

Insomma, interessante l'idea crossmediale della Hunziker di promuovere una trasmissione con un prodotto ‘altro', Michkere, appunto, che mette comunque luce e attenzione su All together now, mentre per la D'Urso è puro divertissement e ormai può permetterselo, indipendentemente dal giudizio estetico a cui, immaginiamo, non farà neanche caso. La musica sopravviverà, però chissà se tra qualche mese non vedremo la presentatrice svizzera contendere lo scettro di trap Queen alle varie Priestess, Chadia Rodriguez e Beba.