Kekko dei Modà cambia casa e da oggi in poi tutte le sue creazioni artistiche saranno gestite da Warner Chappell che proprio oggi ha annunciato un accordo editoriale col cantautore e leader dei Modà. Insomma, tutto ciò che creerà Silvestre da oggi sarà gestito dall'azienda che ha come core business quello di sviluppare "attività di ricerca e formazione di autori per la creazione di nuove composizioni musicali, offre servizi di gestione e tutela di repertori musicali esistenti, promuove collaborazioni con artisti e produttori per lo sviluppo di nuovi progetti".

Le parole di Kekko dei Modà

Sono tempi di cambiamento per i Modà e per il loro leader che nei prossimi mesi torneranno anche con un nuovo album, "Testa o croce" – che uscirà a seguito della separazione dalla vecchia etichetta – della cui evoluzione stanno aggiornando i fan sui social: "Sono felice e onorato di far parte di una storica casa editoriale come la Warner – dice Silvestre -. Mi auguro di poter condividere con loro le soddisfazioni del prossimo percorso editoriale targato Modà e di intraprendere un nuovo cammino accompagnato da chi ha creduto nella mia scrittura. Nella settimana del mio compleanno non potevate farmi regalo migliore di questo, spero di ricambiare la vostra fiducia mettendo il massimo dell'impegno in tutto quello che farò".

Gli ultimi lavori di Silvestre

Silvestre in questi ultimi anni è stato impegnato con la scrittura di una sceneggiatura, "Cash", che non è mai diventata un film ma si è comunque trasformata in un libro pubblicato da Mondadori nei mesi scorsi. mentre come produttore ha lavorato agli album “Domani è un altro film” (prima e seconda parte) dei Dear Jack e “Splende”, quarto album di Annalisa. "Sono molto felice che Francesco Silvestre abbia accettato di condividere la sua nuova stagione artistica con Warner Chappell. Annunciare questa nostra nuova collaborazione con uno degli artisti italiani più prolifici e di successo come Kekko è motivo di grande orgoglio, prestigio e soddisfazione" sono invece le parole di Roberto Razzini, Managing Director di Warner Chappell Music Italiana.