Continua la bufera intorno a Roberto Vecchioni e alla controversa frase pronunciata in un intervento pubblico presso l'università di Palermo, in cui ha criticato la Sicilia definendola "isola di m…". L'osservazione, inserita naturalmente all'interno di un discorso più ampio in cui il cantautore si è scagliato contro una terra "che rovina la sua intelligenza e la sua cultura", è passata tutt'altro che inosservata e anzi ha acceso una vivacissima polemica. Se la sala in cui Vecchioni è stato pronunciato il discorso si è svuotata dopo mezz'ora, sui social è piovuto un oceano di critiche dirette all'artista milanese (ma di nonno messinese).

Molti, però, hanno capito che in realtà, l'intenzione di Vecchioni, come lui stesso ha spiegato, era "una provocazione d'amore". In difesa di Vecchioni, non a caso, si è schierato un siciliano d.o.c., Pippo Baudo, intervenuto a Radio 105 nel programma "Benvenuti nella Giungla":

Roberto Vecchioni è un amante tradito, per questo ha detto quella frase: il suo è un appello d’amore, non un atto d’accusa nei confronti della Sicilia. Nella foga oratoria ci sta che uno si lasci scappare una frase come quella, certo non si può generalizzare e dire quella parola che mi fa orrore se penso applicata alla mia terra. In Sicilia il bello c’è, la Sicilia è bellissima. Certo, Vecchioni poteva evitare di generalizzare ma sono convinto che lui si sia già pentito di aver pronunciato quelle parole. W la Sicilia buona e quella bella che c’è.

Anche il sindaco Orlando difende Vecchioni: "Siamo a un bivio"

Oltre che dal web, le critiche sono arrivate dal mondo politico, con in testa Renato Schifani: "Non c'è niente di peggio delle banalizzazioni e delle generalizzazioni, quelle in cui, purtroppo, è caduto Roberto Vecchioni. Ci saremmo attesi valutazioni più profonde e meno stereotipate". Si è invece mostrato solidale il sindaco di Palermo Leoluca Orlando:

Roberto Vecchioni conferma di essere un grande amico della Sicilia e dei Siciliani. Con le sue parole ci ha ricordato che la Sicilia merita molto di più e molto di meglio di ciò che ha oggi. Chi punta l’attenzione su alcune parole forti e colorite usate dal cantautore fa come chi, davanti al dito che indica la luna, si concentra sul dito. Roberto Vecchioni ci ha ricordato che la Sicilia, tutta la Sicilia è davanti ad un bivio e che prendere la strada giusta o sbagliata dipende soprattutto dai Siciliani.

Twitter si divide: chi lo critica e chi è d'accordo

Sul web, intanto, la polemica continua, e il popolo della rete appare diviso tra chi critica Vecchioni o comunque ne contesta i toni e chi, invece, si mostra d'accordo: perché forse, più che attaccare il cantante, sarebbe meglio riflettere sulle problematiche che il suo intervento ha messo in luce.