15.437 CONDIVISIONI
Sanremo 2018
1 Febbraio 2018
13:22

Sanremo 2018, Ermal Meta e Fabrizio Moro cantano “Non mi avete fatto niente”

Il duo presenterà sul palco dell’Ariston il brano “Non mi avete fatto niente”, dedicato al tema della paura: “È un inno alla vita, un urlo che si leva da un’umanità colpita ma che nei momenti più complessi e drammatici rinasce facendosi spazio verso il futuro”.
A cura di Redazione Music
15.437 CONDIVISIONI
Ermal Meta e Fabrizio Moro (Foto di Paolo De Francesco).
Fabrizio Moro e Ermal Meta (Foto di Paolo De Francesco).
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Sanremo 2018

Ermal Meta e Fabrizio Moro hanno vinto la 68esima edizione del Festival di Sanremo, in programma nella città dei fiori dal 6 al 10 febbraio prossimi. L'inedito duo si è esibito con "Non mi avete fatto niente", scritto a sei mani dai due cantautori insieme ad Andrea Febo. A dirigere l'orchestra il maestro Diego Calvetti. Al centro del brano c'è il tema della paura, quella nata dopo i terribili attentati di Manchester e Barcellona dello scorso anno che hanno sconvolto l'Europa intera. "La canzone è un inno alla vita, un urlo che si leva da un’umanità colpita ma che nei momenti più complessi e drammatici rinasce facendosi spazio verso il futuro, col sorriso di un bambino. Sono onorato di interpretare questo testo così importante, che ha l’aria di una sfida, il suono di una speranza", hanno commentato i due artisti che nella serata dedicata ai duetti saliranno sul palco del Teatro Ariston insieme a Simone Cristicchi.

Meta e Moro a Sanremo: la cronistoria

Non è la prima volta che Fabrizio Moro ed Ermal Meta partecipano al Festiva di Sanremo. Il primo, nonostante la giovane età, è un veterano della kermesse ligure, avendo preso parte a ben 5 edizioni. Dopo il debutto nel 2000 con "Un giorno senza fine", nel 2007 è arrivata la vittoria nella categoria Giovani con "Pensa", brano dedicato alle vittime di mafia, con il quale si aggiudicò anche il Premio Mia Martini della Critica. Ci riprova l'anno successivo, nel 2008, con "Eppure mi hai cambiato la vita", classificandosi terzo tra i Campioni, mentre nel 2012 e nel 2016 è comparso in qualità di autore, rispettivamente, di "Sono solo parole" di Noemi e di "Finalmente piove", interpretata da Valerio Scanu. Anche Meta può vantare una serie importante di presenze a Sanremo. Dopo aver presentato nel 2010 nella sezione Giovani il brano "Buio e luce", è stato autore di "Non so ballare" di Annalisa nel 2013, "Straordinario" di Chiara Galiazzo nel 2015, mentre nel 2016 si è esibito tra i Big con "Vietato morire", che si è piazzato al terzo posto e ha vinto il premio della critica, oltre a raggiungere il primo posto della classifica italiana dei dischi più venduti.

Nuovi album e tour per il dopo Festival

Non solo Sanremo. Il 9 febbraio, nel bel mezzo della competizione canora, sono usciti i nuovi album dei due artisti, ciascuno contenente il brano presentato all'Ariston. Per Ermal Meta ci sarà un disco di inediti dal titolo "Non Abbiamo Armi", mentre per Fabrizio Moro un best con 13 suoi grandi successi, riarrangiati e rimasterizzati, più due inediti, "Parole Rumori e Anni". Entrambi saranno impegnati in giro per palasport e stadi d'Italia per mini tour dal vivo: Meta sarà in concerto il 28 aprile al Mediolanum Forum di Assago, mentre Moro si esibirà per la prima volta nella sua carriera allo Stato Olimpico di Roma il prossimo 16 giugno. Due ottime occasioni per riascoltare i loro grandi successi del passato e la hit sanremese.

$player, 'title' => $atts['title'], 'lyric' => $song, )) ?>
15.437 CONDIVISIONI
317 contenuti su questa storia
Duccio Forzano, regista del 'Festival di Sanremo 2018':
Duccio Forzano, regista del 'Festival di Sanremo 2018': "Claudio Baglioni mi ha salvato la vita"
Fiorello:
Fiorello: "Mia moglie Susanna è l'angelo che mi ha portato a Sanremo 2018"
Favino sul monologo di Sanremo:
Favino sul monologo di Sanremo: "Testo sull'estraneità in generale. La mia politica è capire le emozioni"
3.700 di askanews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni