Dopo l'annuncio con il quale comunicava il suo addio alla musica, Rocco Hunt torna per raccontare, nel dettaglio e senza remore, quello che ha attraversato in questo lungo periodo della sua vita. Un momento delicato che il cantante ha voluto condividere pienamente con i suoi fan, a cui solo nella giornata di ieri aveva dedicato il suo ringraziamento per il sostegno che gli era stato dimostrato dopo la notizia della sua uscita dalla scena musicale, supporto dimostratogli anche dai colleghi e volti noti della musica.

Lo sfogo su Instagram

Il rapper partenopeo rivendicava il suo diritto alla libertà: alle sue promesse di pubblicare presto un nuovo disco, non è mai seguito nulla di significativo, quindi, frustrato e deluso aveva deciso di lasciarsi alle spalle un mondo che non riusciva a dargli le soddisfazioni che avrebbe desiderato. Ma oggi il cantante torna a parlare sul suo profilo Instagram, cercando di spiegare in un lungo e sentito messaggio tutte le emozioni contrastanti che ha vissuto, ma prima ringrazia nuovamente chi gli è stato accanto e lo ha aiutato a non arrendersi:

Sono stati i giorni piú lunghi e brutti della mia vita. Come prima cosa vorrei ringraziare la mia famiglia, il mio staff e sopratutto tutti voi per il grande amore che mi avete dimostrato. Le vostre frasi di incoraggiamento, le telefonate ed i messaggi mi hanno aiutato a sentirmi meglio, a capire quanto per voi la mia musica sia importante. Questo mio sfogo, se pur impulsivo, ha fatto sì che si sbloccasse una situazione ormai ferma da troppo tempo. Sto parlando del mio nuovo album a cui ho dedicato 3 anni della mia vita, di cui volevano privarmi per l’ennesima volta. Voglio riprendermi la mia libertà, non posso mollare ora e non lo faró!

La forza di chiedere scusa

La sua confessione rimbomba ancora più forte nel silenzio che l'artista e il suo staff hanno mantenuto nei giorni successivi alla notizia, compresa l'etichetta che finora si è occupata della sua produzione musicale, la Sony. Eppure Rocco Hunt sembra essere tornato sui suoi passi, in preda ad un bisogno di sincerità continua a condividere con i suoi fan quello che non stenta a riconoscere come uno dei momenti più bui della sua vita, in cui la paura di perdere tutto quello che aveva costruito, in anni di sacrifici ed impegno, sembrava volatilizzarsi da un momento all'altro. Il "poetaurbano" si scusa per la sua istintività, la sua irrazionalità che non gli ha permesso di calibrare i suoi pensieri prima di divulgarli:

Vi chiedo scusa se ho reagito in modo irrazionale, ma qualcosa, forse la paura di perdere tutto ciò che abbiamo costruito insieme, ha prevalso su di me. Non sono riuscito a controllare questo mio istinto, questo desiderio di liberarmi del peso che portavo dentro. Lo sapete quanto per me la sincerità sia importante, ma forse questa volta lo sono stato fin troppo. Avevo bisogno di sfogarmi e non me ne pento, ora sapete cosa provo. Non avrei mai potuto abbandonare la musica, né tantomeno voi. A volte quando si è in difficoltà si scappa dalle cose che ci fanno stare bene, pensando che il problema sia quello, ma in realtà ci sbagliamo.

Il legame con il Sud e l'appello a colleghi e fan

La sua giovane età, 24 anni, potrebbe essere una giustificazione ad una reazione di questo genere, ma il ragazzo non esita ad esplicitare un suo pensiero più profondo, nel quale non rientra solo la musica, ma l'atteggiamento con cui si affronta la vita, soprattutto per un artista nato "dal nulla" come lui stesso afferma, che ha lottato per raggiungere una notorietà che sarebbe innaturale perdere quando ancora si è sulla cresta dell'onda. Rocco Hunt fa un passo indietro, ma non solo per la sua carriera, lo fa anche per il suo Sud, quella terra di cui ha parlato nelle sua canzoni, in cui ha stanziato le sue radici, quella terra che alimenta i suoi testi e la sua fantasia, come scrive nella lunga lettera pubblicata su Instagram:

A 24 anni puó succedere. Speravo che quel post mi avrebbe aiutato a riflettere e così è stato. Sono sicuro senza alcun dubbio che il mio percorso sia questo e voglio continuare a viverlo con voi. I miei concerti, le esibizioni e gli impegni previsti per questa estate saranno mantenuti e svolti regolarmente. Vengo dal niente e rinunciare al frutto dei miei sacrifici non potrei mai perdonarmelo. Per la mia terra e per il mio Sud che ha ancora bisogno di me. Per tutti i colleghi che mi hanno sostenuto e rincuorato. A breve avró un appuntamento molto importante e spero di tornare finalmente da voi con qualcosa di concreto e con tanta nuova musica. Non voglio dargliela vinta! Statemi vicini, ora più che mai.

Il chiarimento di Rocco Hunt si chiude così, con un appello, una richiesta di sostegno nei confronti di tutti coloro che lo hanno sempre apprezzato, che non hanno mai smesso di credere in lui e che potranno aiutarlo a superare i momenti più difficili di questa lunga risalita, dopo la quale lo vedremo tornare, più audace e carico che mai, nel mondo della musica.

Sono stati i giorni piú lunghi e brutti della mia vita. Come prima cosa vorrei ringraziare la mia famiglia, il mio staff e sopratutto tutti voi per il grande amore che mi avete dimostrato. Le vostre frasi di incoraggiamento, le telefonate ed i messaggi mi hanno aiutato a sentirmi meglio, a capire quanto per voi la mia musica sia importante. Questo mio sfogo, se pur impulsivo, ha fatto sì che si sbloccasse una situazione ormai ferma da troppo tempo. Sto parlando del mio nuovo album a cui ho dedicato 3 anni della mia vita, di cui volevano privarmi per l’ennesima volta. Voglio riprendermi la mia libertà, non posso mollare ora e non lo faró! Vi chiedo scusa se ho reagito in modo irrazionale, ma qualcosa, forse la paura di perdere tutto ciò che abbiamo costruito insieme, ha prevalso su di me. Non sono riuscito a controllare questo mio istinto, questo desiderio di liberarmi del peso che portavo dentro. Lo sapete quanto per me la sincerità sia importante, ma forse questa volta lo sono stato fin troppo. Avevo bisogno di sfogarmi e non me ne pento, ora sapete cosa provo. Non avrei mai potuto abbandonare la musica, né tantomeno voi. A volte quando si è in difficoltà si scappa dalle cose che ci fanno stare bene, pensando che il problema sia quello, ma in realtà ci sbagliamo. A 24 anni puó succedere. Speravo che quel post mi avrebbe aiutato a riflettere e così è stato. Sono sicuro senza alcun dubbio che il mio percorso sia questo e voglio continuare a viverlo con voi. I miei concerti, le esibizioni e gli impegni previsti per questa estate saranno mantenuti e svolti regolarmente. Vengo dal niente e rinunciare al frutto dei miei sacrifici non potrei mai perdonarmelo. Per la mia terra e per il mio Sud che ha ancora bisogno di me. Per tutti i colleghi che mi hanno sostenuto e rincuorato. A breve avró un appuntamento molto importante e spero di tornare finalmente da voi con qualcosa di concreto e con tanta nuova musica. Non voglio dargliela vinta! Statemi vicini, ora più che mai ❤🙏

A post shared by Rocco Hunt (@poetaurbano) on