La morte di Marie Fredriksson, storica voce del duo svedese Roxette, è un grande lutto nel mondo della musica pop. La cantante si è spenta all'età di 61 anni, dopo una lunghissima battaglia contro un tumore. L'altra metà della band Per Gessle, l'ha ricordata con alcuni commossi messaggi attraverso la sua pagina Facebook.

L'invito a donare per la lotta contro il cancro

Gessle ha spiegato che in onore della Fredriksson è stato allestito a Stoccolma uno spazio con candele e un'immagine della cantante, per offrire a tutti i fan la possibilità di recarvisi e lasciare il loro ricordo personale o un messaggio di cordoglio. Ha inoltre invitato tutti a fare delle donazioni per aiutare la ricerca sul cancro, la malattia che si è portata via l'artista dopo una lotta durata ben 17 anni.

Sono tante le persone che chiedono a chi rivolgersi per le condoglianze per Marie. Un libro di condoglianze verrà collocato al di fuori dell'ex studio EMI (ora Baggpipe) dove è stato creato un luogo di ricordo che potete vedere nella foto. La famiglia di Marie vi chiede gentilmente di fare qualcosa per la lotta contro il cancro.

Per Gessle ricorda i 40 anni di amicizia con Marie Fredriksson

Marie Fredriksson è morta nella mattinata del 9 dicembre. Un colpo durissimo per Gessle, al suo fianco dal 1986. "Il tempo passa così in fretta", ha commentato commosso il musicista in un post condiviso anche da una nota ufficiale sul sito della band, "Non molto tempo fa trascorrevamo giorni e notti nel mio piccolo appartamento ad Halmstad, ascoltando la musica che amavamo, condividendo sogni impossibili. E che sogno abbiamo poi potuto condividere!". Il loro sodalizio ha prodotto tredici album in 30 anni di carriera, comprendenti la hit It Must Be Love contenuta nella colonna sonora di Pretty Woman.

Grazie Marie, grazie di tutto. Eri un musicista eccezionale, una maestra della voce, un'artista straordinaria. Grazie per aver dipinto le mie canzoni in bianco e nero con i colori più belli. Sei stato un'amica meravigliosa per oltre quarant'anni. Sono orgoglioso, onorato e felice di aver potuto condividere così tanto tempo, talento, calore, generosità e senso dell'umorismo. Tutto il mio amore va a te e alla tua famiglia. Le cose non saranno mai più come prima.

La malattia

Era il 2002 quando a Marie Fredriksson è stato diagnosticato per la prima volta un tumore maligno al cervello. Dopo un'operazione perfettamente riuscita, si è sottoposta a lunghi periodi di chemioterapia e radioterapia, al termine dei quali è stata dichiarata guarita nonostante alcuni problemi motori e alla vista. Nel 2005 è tornata a lavorare regolarmente. Anni dopo, il cancro si è ripresentato, stavolta senza lasciarle scampo.