Liberato, l’anonimo cantautore napoletano di grande successo la cui identità rimane avvolta nel mistero, potrebbe essere Livio Cori. A dimostrarlo è un esperimento realizzato da Fanpage.it con il professor Ugo Césari, foniatra ed esperto di perizie foniche, dopo che il professore aveva collaborato con Gianni Valentino, come si legge nel libro "Io non sono LIBERATO", l'unico studio al momento sul fenomeno musicale di quest'anno: il giornalista e il dottore avevano studiato questo fenomeno sempre con un'analisi spettrografica dando per primi la notizia di questa sovrapposizione tra le voci dei due cantanti. Fanpage.it ja chiesto all’esperto di raccontarci in video quell’analisi spettrografica che compara la voce di Liberato con quella di altri 7 artisti. È emerso che soltanto quella di Livio Cori risulta completamente sovrapponibile a quella dell’anonimo cantautore.

I dati tecnici dell’esperimento

Il professor Césari, al termine dell’analisi, illustra i risultati ottenuti: “Abbiamo lavorato sulle formanti delle vocali, ovvero quei parametri che formano il suono della vocale. Abbiamo misurato anche altri parametri come la durata delle consonanti”. L’esperimento ha messo a confronto un estratto del brano Nove maggio di Liberato e un campione di Surdat di Cori. Ne è emerso quanto segue: “Le formanti di Livio Cori sono assolutamente sovrapponibili a quelle di Liberato, quindi da un punto di vista dell'analisi spettrografica, Livio Cori è Liberato, assolutamente sì”.

Cori è Liberato, lui aveva smentito

La suggestione che vuole Liberato e Livio Cori essere la stessa persona parte da un anno fa circa. Qualcuno aveva lasciato intendere che l’identità del misterioso cantautore sarebbe stata svelata nel corso della terza stagione di Gomorra. Liberato, però, non è mai comparso nelle puntate andate in onda. Al suo posto è arrivato un altro personaggio, O Selfie, membro del clan dei Talebani. A interpretare quel ruolo è stato proprio Cori, attore e rapper napoletano che vanta collaborazioni musicali con artisti del calibro di Ghemon, Luchè e i Planet Funk. Interrogato a proposito di tali similitudini, Cori ha smentito: “Stimo il progetto Liberato, è una bella cosa, stanno spaccando tutto, è un orgoglio per Napoli, però siamo due cose diverse. Io ho il mio progetto, lui ha il suo. Non mi piace questa cosa: se vi piace Liberato seguite la sua pagina, supportatelo. Supportate anche la mia pagina, ma ricordatevi che siamo due cose diverse. State certi che se pure lo fossi, non ve lo direi”.