Arrivano splendide notizie sulle condizioni di salute di Lele Spedicato, il chitarrista dei Negramaro ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce dal 17 settembre scorso a causa di un'emorragia cerebrale. Stando a quanto riporta La Repubblica di Bari l'artista sarebbe fuori pericolo e, in questo momento "è cosciente e vigile". Notizia che naturalmente non può che restituire grande gioia e speranza ai fan della band, agli amici del chitarrista e ai colleghi del mondo della musica che da settimane erano in apprensione in seguito all'improvviso malore che aveva colpito l'artista mentre si trovava in piscina.

"I medici non hanno ancora sciolto la prognosi, ma l'ultima Tac di controllo conferma l'evoluzione positiva", afferma il quotidiano, rimarcando dunque il lento ma costante percorso di miglioramento delle condizioni di salute di Lele Spedicato. Si tratta ovviamente di un decorso e un processo di recupero che si annunciano molto lunghi, vista l'entità della situazione e le circostanze del tutto particolari e impreviste che hanno caratterizzato il malore. Al momento Spedicato resta intubato, ma è probabile che nei prossimi giorni sarà in grado di lasciare il reparto di Rianimazione. Un passo, quest'ultimo, già anticipato dal bollettino dello scorso lunedì, quando l'equipe medica che ha in cura l'artista aveva appunto annunciato lo stato di coscienza dell'artista, con parametri vitali in miglioramento costante.

Il malore di Spedicato è stato accompagnato in queste settimane da un sostegno costante e messaggi di solidarietà e affetto da parte di amici, familiari e tanti personaggi del mondo della musica internazionale. A cominciare naturalmente dai suoi compagni di viaggio di sempre, con Giuliano Sangiorgi che lo ha spesso citato e omaggiato negli ultimi giorni e non è stato il solo.