J-Ax torna a parlare di Fedez in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera in occasione del'uscita del suo nuovo brano "Ostia Lido", che è già Platino e ha oltrepassato i 30 milioni di visualizzazioni su YouTube. Ed è inevitabile la domanda sulla breve esperienza in duetto con il collega in "Comunisti col rolex", cui è seguita una separazione dalle cause mai chiarite pubblicamente. J-Ax ha sempre rifiutato di raccontare le motivazioni del loro allontanamento. Anche in questo caso, il rapper non si è sbottonato, ma alla domanda se è vero che la sua creatività abbia avuto una scossa dopo il tour con Fedez, la risposta è decisamente eloquente:

Gli hater sostengono che sono rinato dopo quel tour, non è vero. Sono rinato con Il bello di essere brutti, nel 2014, per quell’album ho vinto quattro dischi di Platino come Comunisti col Rolex. Io e Fedez volevamo una pausa dalle nostre carriere da solisti per questo abbiamo lavorato insieme. Poi è diventata una roba grossa pure quella.

J-Ax in tv, lo rivedremo a All Together Now

J-Ax non dice altro sulla rottura da Fedez e al banale gossip preferisce parlare della sua carriera. A partire da Ostia Lido: "Ho l’accesso a posti esclusivi, ma quando ci sono andato mi sono annoiato. Mi diverto di più in situazioni normali, con gli amici. Da lì è nata Ostia Lido: tutti vogliono fare i fenomeni per condividere sui social la loro vacanza. Mi sono detto voglio il posto meno esotico, dove si mangia bene. Negli anni 90 andavo a molte feste in spiaggia a Ostia". Al Corriere ha svelato i nuovi progetti, dal prossimo album ("Ho una ventina di demo. Sarà attinente alla realtà"), al ritorno in televisione: "È stato riconfermato All Together Now, con Michelle Hunziker". Dunque, lo rivedremo nel programma musicale di Mediaset anche nella stagione 2019-20. "Mi trovo bene con le donne al comando", ha ammesso il rapper, "Anche con Raffaella Carrà a The Voice: è un mito. Quando registravamo e diceva: “È tardi, torno a casa”, si smetteva tutti. Mi piace fare il capitano, ma il generale deve essere donna".

J-Ax e la censura

Nonostante l'ottimo rapporto con il piccolo schermo e una carriera sempre più mainstream, J-Ax ha spesso dovuto affrontare difficoltà: "Con gli Articolo 31 abbiamo cantato Ohi Maria (sulla marijuana ndr) a Domenica In ed è successo un casino, per un po’ non siamo tornati in Rai. Poi ci sono i miei litigi con il ministro dell’Interno su Twitter. Non ho mai subito una censura dichiarata, ma è chiaro che se ti esponi da una certa area le offerte di lavoro diminuiscono".