22 Aprile 2022
12:47

Il testo e significato di Mala, Fred De Palma, Pa La Cultura e il dissing a Marracash

A quasi un anno da “Unico”, manifesto del reggaeton italiano, Fred De Palma ritorna con il nuovo progetto “PLC Tape 1”, con “Mala” con Tony Effe e Lazza.
A cura di Vincenzo Nasto

"Unico" è stato il manifesto del reggaeton italiano, una direzione scelta dal rapper torinese Fred De Palma che lo scorso 2 luglio ha pubblicato il primo progetto completamente latin italiano. "Unico" come il genere che ha sorvolato continenti, diventando tra i più ascoltati al mondo, come dimostrano i numeri di artisti come Bad Bunny e J Balvin. All'interno del disco, il primo singolo estratto che avrebbe raccontato il concept del progetto fu "Pa la cultura": il brano raccontava il desiderio di De Palma di rendere cultura ciò che in Italia è considerata musica solo nei mesi estivi. Nelle ultime ore De Palma ha pubblicato un nuovo Ep "PLC Tape 1", acronimo di "Pa la cultura", in cui ha voluto condividere questo nuovo viaggio con tanti artisti urban mainstream: Guè, Lazza, Tony Effe, Rose Villain, Emis Killa, Omar Montes, Fuego. Ma non solo, perché se la nuova scena latin sta crescendo in Italia, De Palma ha deciso di incoraggiare questo movimento, integrando nell'Ep nomi emergenti come Cosmic, Malo, XWOND e Southside Ciccio. Tra i brani più attesi c'è sicuramente "Mala" con Lazza e Tony Effe.

Il significato di Mala

Un regalo per gli amanti del reggaeton, direttamente da chi si è proclamato "Unico" nel genere. Il ritorno di Fred De Palma, dopo il successo dell'album "Unico", si concentra tutto in "PLC Tape 1". L'ep contiene il singolo "Mala", che vede la partecipazione di due grandi artisti della scena rap come Lazza e Tony Effe. A introdurre il brano c'è il riff di chitarra che anticipa la batteria reggaeton, con Fred De Palma che incomincia il suo viaggio nell'egotrip: dal riferimento all'orologio Audemars Piguet alla suite in hotel. Il successo di De Palma si misura anche nei numeri in streaming, come quando canta: "Per stare con me ci metterebbe la firma, scrivo solo hit, fra', c'ho la penna che streamma". Discorso simile per Lazza e Tony Effe, dalla reference a OnlyFans all'immaginario mafioso del rapper romano, che canta: "Contatto siciliano, si chiama Calogero, cinque mesi latitante da mio suocero, la metto incinta, un milione nel suo utero". Come per gli altri sei brani del progetto, anche questo è stato prodotto sotto la direzione artistica di JVLI, producer che fa parte del collettivo torinese di produttori, Blue Magic Team.

Il testo di Mala

Eoh (eoh)
Quella tipa con te vuole stare con me
Vuole fare un rodeo (eoh)
Quando arrivi in hotel e cominci così baby quanto sei mala
Vieni qui, la luce non la spengo
Mala, quanto ti piace quando sono cattivo

Sì, non hai questo AP Parli tanto nei pezzi e non hai questo AP, neanche questa qui
Che sale su da me in SuperSuite
No sabes cuanto lo siento por ti
Per stare con me ci metterebbe la firma
Scrivo solo hit, fra', c'ho la penna che streamma
Io e lei usciamo sopra questo mezzo che brilla
Tu la chiudevi, a me a chiesto di aprirla, yeah, yeah, yeah

Eoh (eoh)
Quella tipa con te vuole stare con me
Vuole fare un rodeo (eoh)
Quando arrivi in hotel e cominci così baby quanto sei mala
Vieni qui, la luce non la spengo
Mala, quanto ti piace quando sono cattivo

Ok zzala
Digli che stasera sarai Del Rey come Lana
Di' al tuo tipo che ha le corna anche se non è un impala
Non deve lasciarti sola, vediamo se ora impara, ehy Sto facendo gambe, ma non in palestra
Mentre chiedi spicci, come un punkabbestia
Ho schivato la mmm come se era Matrix
Ti ho visto nuda pure prima di OnlyFans (era gratis)

Eoh (eoh)
Quella tipa con te vuole stare con me
Vuole fare un rodeo (eoh)
Quando arrivi in hotel e cominci così baby quanto sei mala
Vieni qui, la luce non la spengo
Mala, quanto ti piace quando sono cattivo
Sosa

Sei vestito Gucci ma sei povero
Contatto siciliano, si chiama Calogero
Cinque mesi latitante da mio suocero
La metto incinta, un milione nel suo utero
La chiamo solo quando ho voglia, come se fosse un gioco
Arriva e poi si spoglia, come se fosse un dono
Soldi ora mi annoiano, reati mi divertono
Infami ancora parlano, puttane non mi servono

Eoh (eoh)
Quella tipa con te vuole stare con me
Vuole fare un rodeo (eoh)
Quando arrivi in hotel e cominci così baby quanto sei mala
Vieni qui, la luce non la spengo
Mala, quanto ti piace quando sono cattivo

PLC e il dissing con Marracash

Come "Unico", anche "PLC Tape 1" rappresenta un'evasione dal contesto hip hop da parte di Fred De Palma, dopo 10 anni nel genere. Una scelta che nell'intervista a Fanpage.it, il cantante torinese giustificava così: "Ho cominciato ad ascoltare il reggaeton, a scoprirne la cultura. Ho avuto subito voglia di provarci e la scintilla è scattata proprio a cavallo di questi due momenti. Il reggaeton mi ha dato una strada che avrei percorso per primo in Italia, o almeno per primo in italiano". La sua scelta non è sicuramente stata facile, anche per come è stata accolta dal rap game italiano. Proprio in uno dei dischi più importanti degli ultimi mesi del 2021, "Noi, loro e gli altri" di Marracash, dove nella canzone "Cosplayer" cantava: "Il reggaeton in Italia è cultura, c'è chi lo dice, vado a sentire ed è lo stacchetto delle veline". La risposta è arrivata in "Pa La cultura 2", dove Fred De Palma canta: "Metto i miei pezzi e fanno lo stacchetto, ci diamo de-, ci diamo dentro, le veline". Tra i due artisti i rapporti non sembrano essersi sanati, dopo la fine dell'avventura di "Roccia Music", l'etichetta fondata da Shablo e Marracash.

Testo e significato de La pioggia alla domenica, Vasco e Marracash cantano la confusione odierna
Testo e significato de La pioggia alla domenica, Vasco e Marracash cantano la confusione odierna
Il testo e significato de L'eccezione, Madame racconta il diventare adulti troppo presto
Il testo e significato de L'eccezione, Madame racconta il diventare adulti troppo presto
Il significato e il testo de La Paranza: perché la canzone di Daniele Silvestri non è Il Pulcino Pio
Il significato e il testo de La Paranza: perché la canzone di Daniele Silvestri non è Il Pulcino Pio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni