27 Agosto 2021
15:52

I Maneskin sono d’oro anche negli Stati Uniti con Beggin’: oltre mezzo milione di copie vendute

Solo pochi giorni fa l’Australia veniva conquistata dal fenomeno Maneskin, registrando due dischi d’oro per “Zitti e Buoni” e “Beggin'”. Questa volta a piegarsi al potere della band romana sono gli Stati Uniti, che attraverso la Recording Industry Association of America, ha assegnato il disco d’oro a “Beggin”, con oltre mezzo milione di copie vendute.
A cura di Vincenzo Nasto
Maneskin (ph Gabriele Giussani)
Maneskin (ph Gabriele Giussani)

E siamo a 23, questa volta con oltre mezzo milione di copie vendute per il singolo "Beggin" negli Stati Uniti: stiamo parlando del disco d'oro, il 23esimo all'estero, dei Maneskin che questa volta si impongono negli Stati Uniti con la cover di "Beggin". L'ennesimo successo per la band romana che pochi giorni fa aveva riscosso un doppio disco d'oro in Australia e aveva certificato il proprio successo estivo grazie a Spotify. La piattaforma infatti ha decretato il secondo posto del gruppo con "Beggin" tra le canzoni più ascoltate al mondo nel periodo estivo, preceduti solamente dal fenomeno Olivia Rodrigo e la sua "good 4 u" con oltre 600 milioni di streaming. Un risultato straordinario per la band che proietta il proprio successo anche a livello internazionale.

Il disco d'oro negli Usa porta la band a quota 23 certificazioni all'estero

Dopo la risposta del pubblico sui palchi in Polonia, Repubblica Ceca, Belgio, Germania e Francia, dopo la trionfale estate premiata da Spotify con il secondo posto a livello internazionale tra le canzoni più ascoltate, dopo la collaborazione con il re del glam rock Iggy Pop in "I wanna be your slave", non poteva che mancare la certificazione negli Stati Uniti. Finalmente per i Maneskin è arrivata: a "Beggin", come afferma la Recording Industry Association of America, è stata assegnata la certificazione d'oro, riservata ai brani che hanno superato negli Stati Uniti la soglia del mezzo milione di copie vendute. Un grande risultato, che si aggiunge anche ai due dischi d'oro di "Zitti e buoni" e "Beggin" in Australia e che porta il gruppo romano a quota 23 certificazioni all'estero. Nel frattempo il prossimo 14 dicembre i Maneskin inaugureranno il loro tour italiano, partendo prima dal Palazzo dello Sport di Roma, e chiudendo con un gran finale il 9 luglio 2022, al Circo Massimo.

Di nuovo in studio di registrazione

Nel frattempo nelle scorse settimane il gruppo è ritornato a "casa". Come pubblicato su Instagram, i Maneskin sono ritornati nel loro studio di registrazione, lo stesso che ha ospitato le sessions dell'ultimo album della band "Teatro d'ira – Vol.1". In quello studio sono stati registrati i successi di "Zitti e buoni" e "I wanna be your slave": proprio in quello studio si son fatti fotografare i quattro membri della band, a lavoro sul lavoro successivo a "Teatro d'ira – Vol.1", nel Mulino Record Studio di Acquapendente, in provincia di Viterbo, la cittadina a nord di Roma.

Maneskin oltre i 400 milioni: il record di Beggin' su Spotify
Maneskin oltre i 400 milioni: il record di Beggin' su Spotify
I Maneskin festeggiano i 100 milioni di Beggin' e superano i Beatles su Spotify
I Maneskin festeggiano i 100 milioni di Beggin' e superano i Beatles su Spotify
I Maneskin conquistano Parigi: le esibizioni di Damiano e soci al Global Citizen, da Beggin a Eilish
I Maneskin conquistano Parigi: le esibizioni di Damiano e soci al Global Citizen, da Beggin a Eilish
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni