708 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

“Ho pianto dalla gioia”, Stash emozionato per Italodisco cantata dagli Ultras del Napoli

Gli Ultras del Napoli hanno usato Italodisco dei Kolors per farne un nuovo coro e Stash ha spiegato perché questa cosa lo ha fatto piangere.
A cura di Redazione Music
708 CONDIVISIONI
Immagine

Italodisco dei The Kolors è stata la canzone dell'estate 2023, giocandosela, al massimo, con Mon Amour di Annalisa. Numeri enormi, ottimi risultati anche in molti paesi europei e una versione della canzone in inglese, registrata per il mercato americano. Stash e compagni possono dirsi contenti di questa prima estate in Warner, in attesa del loro albyum. Tra i vari risultati, però, ce n'è uno nuovo, ovvero quello di essere diventato un coro da stadio. Prima di Napoli Real Madrid, infatti, Italodisco è stata cantata dagli ultras della squadra partenopea, cambiandone un po' i connotati e adattandola al nuovo contesto: "Questa non è Ibiza, ma quale sole, mandolino e pizza. Pullecenella non va in carrozza, sta dint"e viche e te spezza l'ossa".

Un coro che non è passato inosservato e che lo stesso Stash ha voluto celebrare con un post su Instagram in cui parla del perché questa cosa ha un valore speciale per lui: "Mi dicono che lo stadio Maradona di Napoli è letteralmente impazzito sulle note di Italodisco" ha scritto il cantante, prima di raccontare il perché questa cosa lo renda particolarmente contento e aprire i cassetti della memoria: "Penso al me bambino, quando ascoltavo i cori dello stadio e pensavo: chissà se un giorno canteranno una mia canzone… e poi qualche giorno fa mi arrivano dei video che mi hanno fatto letteralmente piangere dalla gioia: Italodisco è stata scelta per fare il coro ufficiale della Curva B".

Stash ha continuato scrivendo: "Io ancora non riesco a crederci! Questo non è un sogno che s'avvera… sono almeno quattro sogni che si avverano contemporaneamente!!! Per un artista pop arrivare sullo stadio con una propria canzone vuol dire veramente tanto". Ai Kolors è riuscito quello che negli anni è successo a pochi altri artisti partenopei come, per esempio – per non citare Nino D'Angelo – è avvenuto a Clementino con "Guardando la luna (Napoli Rmx)" e a Ciccio Merolla e la sua "Malatìa" che sono state suonate e cantate dallo stadio intero.

Immagine
708 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views