30 Settembre 2021
11:52

“Ho finalmente sconfitto il cancro”, Mark Hoppus dei Blink-182 esulta per la guarigione

A pochi mesi dalla scoperta di un cancro che lo aveva messo alle corde, Mark Hoppus dei Blink-182 ha pubblicato su Instagram le novità sulla sua condizione di salute, affermando la gioia per “essere finalmente libero dal cancro”. Il bassista e cantante della formazione punk ha ringraziato i medici e tutte le persone che lo hanno aiutato in questo doloroso viaggio.
A cura di Vincenzo Nasto

Sembra essere finito il calvario di Mark Hoppus, il bassista dei Blink-182, che negli scorsi mesi aveva confessato di lottare contro il cancro nelle sue stories Instagram, mostrando il primo ciclo di chemio ricevute in ospedale, con una foto che lo ritraeva con una flebo attaccata al braccio. Infatti, nelle scorse ore il cantante, in un posto pubblicato su Instagram, ha esultato dopo aver ricevuto la notizia che il trattamento chemioterapico ha funzionato e il cancro è stato sconfitto: "Sono appena stato dal mio oncologo e non ho più il cancro! Grazie a Dio, all’universo, agli amici, alla famiglia e a tutti coloro che mi hanno dato supporto, gentilezza e amore. Dovrò ancora fare delle TAC ogni sei mesi e ci vorrà fino alla fine dell’anno per tornare alla normalità, ma oggi è un giorno fantastico e mi sento benedetto".

La rivelazione sui social

"Ho ancora mesi di cure davanti a me, ma la chemio sta funzionando e questa è la miglior notizia possibile": le prime avvisaglie sul suo stato di salute erano già apparse lo scorso luglio, quando Mark Hoppus, aveva aggiornato i fan sul suo stato di salute, dopo aver confessato giusto un mese prima di soffrire di cancro. Una notizia che aveva sconvolto anche il mondo della musica, ancora legato alla sua figura nei Blink-182, e nel frattempo il bassista aveva già annunciato il suo trattamento chemioterapico. Una decisione che aveva testimoniato nel tempo anche con immagini del trattamento, dalla flebo nel braccio alla perdita e alla ricrescita dei capelli, fino alle scorse ore. Ha annunciato sul proprio profilo Instagram di aver affrontato già il peggio, e che la malattia sembra essersene andata anche grazie al trattamento con la chemioterapia: "Sono guarito dal cancro. Grazie a Dio, all’universo, agli amici, alla famiglia e a tutti coloro che mi hanno dato supporto, gentilezza e amore. Dovrò ancora fare delle TAC ogni sei mesi e ci vorrà fino alla fine dell’anno per tornare alla normalità, ma oggi è un giorno fantastico e mi sento benedetto".

I messaggi privati con Tom DeLonge

Nelle scorse settimane qualche piccolo indizio era stato lasciato sui social dal suo amico e collega Tom DeLonge, che aveva pubblicato su Instagram una conversazione privata tra lui e il bassista. DeLonge aveva reagito alla notizia degli ottimi risultati della terapia con grande felicità, affermando: "Adesso è il tempo di vivere e di prenderti tutto ciò che vuoi". I due sono stati nel 1992 tra i primi a impegnarsi nella formazione dello storico gruppo punk Blink-182, unendosi poi al batterista Scott Reynor, dando vita a una delle formazioni storiche dei primi anni 2000. Il gruppo perse nel 1998 il suo batterista, sostituito da Travis Barker, diventato poi un punto di riferimento per la scena punk pop attuale.

Come sta Mark Hoppus dei Blink 182: "Questa settimana si deciderà se vivrò o morirò"
Come sta Mark Hoppus dei Blink 182: "Questa settimana si deciderà se vivrò o morirò"
Mark Hoppus dei Blink 182: "Ho un linfoma del sangue al quarto stadio, vado avanti con le chemio"
Mark Hoppus dei Blink 182: "Ho un linfoma del sangue al quarto stadio, vado avanti con le chemio"
Travis Barker dei Blink 182 torna a volare a 13 anni dall'incidente aereo da cui sopravvisse
Travis Barker dei Blink 182 torna a volare a 13 anni dall'incidente aereo da cui sopravvisse
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni