Non si è fatta attendere la risposta di Fedez a Tiziano Ferro, dopo che quest'ultimo lo ha palesemente attaccato nel corso della conferenza stampa di presentazione del suo ultimo album, accusandolo di bullismo per i versi di una canzone in cui si ironizzava sulle sue scelte sessuali. Fedez ha utilizzato lo strumento più immediato a sua disposizione, ovvero le stories su Instagram:

Sembrerebbe che in una conferenza stampa Tiziano Ferro mi avrebbe accusato di omofobia e bullismo, facendo riferimento a un testo che io ho scritto una decina di anni fa. Mi stupisce un po' il tempiscmo di questa dichiarazione, nel senso che questa è una canzone scritta quando io avevo 19 anni, ero senza casa discografica, non avevo un pubblico e mettevo le mie canzoni online. Quella è diventata una delle canzoni che mi ha reso famoso, in termini underground e non mainstream. Mi fa quindi strano dover rendere conto di una cosa che ho scritto dieci anni fa, anche perché a 19 anni siamo tutti persone diverse e ci esprimiamo con toni completamente diversi.

Il rapper poi va anche nello specifico, ricostruendo quanto detto nella canzone Tutto il contrario: "All'inizio di quella canzone io dico che mi interessa il coming out di Tiziano Ferro proprio con l'intento di dire che per le preferenze sessuali di un artista sono accessorie rispetto al giudizio che do all'artista. Poi ovviamente lo condisco con la scrittura dissacrante che un 19enne ha, ma penso di aver dimostrato in questi anni che io e l'omofobia viaggiamo in parallelo e non ci incontriamo mai". Fedez cita quindi la collaborazione con Mika ad X Factor, sottolineando come insieme abbiano fatto molte cose contro il bullismo e l'omofobia: "Quindi non riesco a capire – aggiunge – il senso di questa polemica oggi e adesso". 

Fedez si scusa con Tiziano Ferro

Il ciclo di stories Instagram si chiude quindi con le scuse di Fedez: "Non ho mai pensato che quella canzone potesse aver offeso Tiziano, perché poi negli anni ci siamo anche conosciuti e non mi è mai stata riferita questa cosa, anche se probabilmente non era a conoscenza della canzone. Ora che lo so, mi sento di dire che l'intenzione non era quella e mi spiace che la canzone si sia prestata a malinterpretazioni". Quindi un invito a Tiziano Ferro:

Sono sicuro che sul tema omofobia e bullismo sia io che Tiziano possiamo trovarci d'accordo e fare tante cose insieme. Lo invito a rendere costruttiva insieme questa cosa. Cerchiamo di rendere produttiva questa cosa e non litigare tramite interviste e cose di questo genere.

TizianoFerro Vs Fedez, cosa è successo

Tiziano Ferro ha presentato a Milano il suo nuovo disco "Accetto miracoli", ma la vera notizia della conferenza stampa ha finito per essere l'attacco a Fedez, accusato di omofobia e bullismo nei suoi confronti. Il cantante di Latina, nell'ambito di un discorso complesso, ha fatto riferimento a una vecchia canzone del rapper in cui era contenuta una esplicita allusione al coming out di Tiziano Ferro, che in quello stesso periodo dichiarava pubblicamente di essere omosessuale: "Mi si tira in ballo e io sono ironico, finché si scherza va bene, mi spiace solo quando queste cose sono legate al sentimento e alla sessualità, perché anche una battuta può mettere un adolescente a disagio, e che un idolo dei ragazzini mi prenda in giro su questo è un atto di bullismo molto forte, non solo verso di me". Ferro ha quindi detto che gli attacchi nei suoi confronti non si sono mai sopiti e, come se non bastasse, sono arrivati anche dal mondo della musica. A quel punto sono stati i giornalisti in sala a chiedergli se stesse parlando di Fedez e la risposta è stata: "Uno dei tanti…".

"Tutto il contrario", la canzone in cui Fedez parlava di Tiziano Ferro

"Mi interessa che Tiziano Ferro abbia fatto outing, ora so che ha mangiato più wurstel che crauti", questa la frase incriminata della canzone Tutto il contrario di Fedez. Un pezzo in cui il rapper, con lo stile ruvido che lo ha caratterizzato agli inizi della sua carriera, approccia ironicamente alcuni luoghi comuni, con il presumibile scopo di ribaltarli.