308 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2021
18 Dicembre 2020
12:08

Fedez a Sanremo 2021 è un capolavoro di Amadeus: perché il Festival ha bisogno del cantante

Sono stati annunciati per ultimi, oltre mezzanotte e mezza passata, ma la copia Fedez-Michielin era sicuramente la più attesa di questo festival. Il loro nome ha cominciato a girare nei giorni scorsi e qualcuno si chiedeva se veramente Fedez potesse calcare il palco dell’Ariston da concorrente.
A cura di Francesco Raiola
308 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2021

Sono stati annunciati per ultimi, oltre mezzanotte e mezza passata, ma la coppia Fedez-Michielin era sicuramente la più attesa di questo festival. Il loro nome ha cominciato a girare nei giorni scorsi e qualcuno si chiedeva se veramente Fedez potesse calcare il palco dell'Ariston da concorrente nel novero dei 26 cantanti Big annunciati ad AmaSanremo. La risposta ora la conosciamo e possiamo dire che è il vero e proprio colpo di reni di Amadeus che porta al Festival non solo un cantante, ma una vera e propria impresa. Ridurre Fedez a un rapper ormai è quanto di più lontano dalla realtà, visto che la musica è diventata una delle tante attività, come un moderno Lego, abbiamo varie tipologia di Fedez: Fedez imprenditore, Fedez cantante, Fedez podcaster etc. E incredibilmente, per adesso, riesce a destreggiarsi tra tutte queste attività che pure fammi girare soldi e lavoro.

Anche perché, lo sappiamo bene, avere Fedez a Sanremo vuol dire avere il marchio Ferragnez, vedere Chiara in prima fila, cercarli per strada, in albergo, insomma, sappiamo quello che succede quando la famiglia Lucia-Ferragni si muove. Una vera e propria impresa che si muove tra moda, musica, gossip, solidarietà e sposta un consenso che va ben al di fuori dell'Italia. Insomma, siamo al punto che i due sono una vetrina per Sanremo più che il contrario e questo porta anche alla riflessione sul come Ama abbia convinto Fedez a salire sul palco dell'Ariston. Inutile prenderci in giro, sebbene in questi ultimi anni Sanremo sia riuscito a rimodellarsi e ridefinirsi su canoni meno vecchi del suo potenziale pubblico, aprendosi ad artisti e generi e portando alla ribalta un po' di artisti (Mahmood, Ultimo, Meta, Gabbani,Diodato, per citarne solo alcuni), resta sempre la questione vecchi Big, quelli che a Sanremo vanno solo da ospiti. C'è tutta una fascia di artisti che quel palco ormai lo prende in considerazione solo per fare promo, perché mettersi in gara vuol dire esporsi alla possibilità di sconfitta. Discorso comprensibilissimo. Quello tra Fedez e Sanremo è una combo che unisce due grandi aziende e alla fine è un gioco win-win.

Fedez, però, si mette in gioco anche musicalmente. Ovviamente andare a Sanremo vuol dire muovere un indotto enorme, anche economico. Insomma, non si casca dal pero, ma la domanda successiva resta comunque: vale la pena per uno come lui mettersi in gioco così? E allora parliamo di musica. Fedez è uno degli artisti che negli ultimi anni ha avuto più consenso numerico. Può piacere o meno, ha fatto cose che sono andate meglio, qualcosa che poteva risparmiarsi, sia "Comunisti col Rolex" che "Paranoia Airlines" sono stati il secondo album più venduto del rispettivo anno di uscita (2017 e 2019), con il primo che è stato battuto solo da Ed Sheeran (quindi tecnicamente è l'album italiano più venduto del 2017). Nell'ultimo anno, poi, ha pubblicato una serie di singoli che sono andati bene, almeno a guardare i numeri, giocando molto con campioni di brani famosi (da "Children" a "Roses") e andando dai 10 ai 40 milioni di stream. Insomma, non proprio numeretti. Sull'Ariston arriva da Big, ed era uno dei nomi che ci voleva per permettere un cast molto giovane e alternativo (ma sulla carta di qualità elevata).

E per l'occasione sul palco salirà assieme a Francesca Michielin, una delle migliori artiste del Paese in questi ultimi anni. I due hanno alle spalle già due successi importanti come "Magnifico" e "Cigno nero", quindi la coppia è rodata. Michielin, poi, viene da un secondo posto nel 2016 e la partecipazione all'Eurovision Song Contest, dove rappresentò l'Italia dopo la rinuncia degli Stadio che avevano vinto quella edizione. Nel frattempo è cresciuta e ha dimostrato ancora di più di essere in grado di fare il miglior pop italiano. "Feat.", l'album uscito quest'anno, è anche uno dei migliori del 2020, con una serie di collaborazioni con artisti che saranno con lei in questa avventura. Da anni la cantante di Bassano del Grappa sta cercando di portare il pop su strade diverse e merita di tornare su quel palco ancora una volta da protagonista.

308 CONDIVISIONI
498 contenuti su questa storia
Sanremo, l'annuncio di Annalisa: "Nella serata delle cover un ospite pazzesco con me"
Sanremo, l'annuncio di Annalisa: "Nella serata delle cover un ospite pazzesco con me"
485 di Viral Show
Noemi: "Ho sentito l'urgenza di cambiare. Il sovrappeso era un involucro per difendersi dal mondo"
Noemi: "Ho sentito l'urgenza di cambiare. Il sovrappeso era un involucro per difendersi dal mondo"
Enzo Mazza, FIMI: "La Gran Bretagna studia Sanremo per proteggere i Brit Awards dal Covid"
Enzo Mazza, FIMI: "La Gran Bretagna studia Sanremo per proteggere i Brit Awards dal Covid"
Enrico Varriale e i momenti cult in Tv, dalla lite con Zenga al rimprovero di Mazzone
Enrico Varriale e i momenti cult in Tv, dalla lite con Zenga al rimprovero di Mazzone
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni