Franco Battiato è morto nella sua casa di Milo, all'età di 76 anni. Le voci sulla sua malattia si rincorrevano da tempo, ma la musica italiana non era pronta a perdere una delle sue colonne portanti. Piange la sua scomparsa Tiziano Ferro, che dalla stima per il cantautore siciliano aveva fatto nascere una collaborazione e dato vita a quella sua cover di "E ti vengo a cercare", in cui cantava: "Ti vengo a cercare/Con la scusa di doverti parlare/Perché mi piace ciò che pensi e che dici/Perché in te vedo le mie radici". Nel giorno della scomparsa del Maestro poche, sintetiche parole di dolore, scritte a penna su un foglio a righe:" Caro Franco, come faremo senza di te, nessuno lo sa". 

Fedez ricorda Franco Battiato: "Ciao Maestro"

Sui social, in mattinata, è un susseguirsi di messaggi in ricordo di Battiato. I più citano stralci de "La cura", lo storico brano del cantautore siciliano diventato poesia, altri si ripetono che Battiato non morirà, perché la sua musica non ha tempo. "Ciao Maestro", lo ricorda su Instagram Fedez. "Che grande tristezza. Sono senza parole", riesce a twittare Marco Mengoni. "Ciao Stranizza d’amuri, Maestro di molti. Oggi piangiamo in tanti", è su Instagram il post di Levante, che con Battiato condivide le radici siciliane.

Vasco Rossi piange Franco Battiato

Su Instagram c'è il post commosso di Vasco Rossi che cita: "Le sento più vicine le sacre sinfonie del tempo. Con una idea: che siamo esseri immortali. Caduti nelle tenebre, destinati a errare. Nei secoli dei secoli, fino a completa guarigione" .. Addio al Maestro Franco Battiato.. Wiva Franco Battiato". Ma non solo la musica. C'è Simona Ventura ad esempio che su Twitter lascia il suo omaggio al Maestro: "Se ne va il più grande poeta contemporaneo. Dopo tante sofferenze, che la terra di sia lieve". Myrta Merlino ribatte ‘La cura'. Vladimir Luxuria: "Quando non ho visto una sua intervista o un suo messaggio dopo la morte di Milva avevo già capito che stava molto male. Grazie delle belle canzoni che hai scritto e cantato, delle contaminazioni di generi e linguaggio, di aver sempre osato e sperimentato". 

La carriera di Franco Battiato

Franco Battiato è stato tra gli artisti più innovatori della musica italiana. Tra i suoi brani più di successo, le sperimentazioni di "Fetus", poi "L'era del cinghiale bianco", "La voce del padrone", "Gommalacca", canzoni entrate a far parte del patrimonio artistico e musicale italiano. Musicista, compositore, regista, Battiato era un artista a trecentosessanta gradi. Con la sua musica ha sondato e sperimentato tutti i generi, dal rock progressivo al cosiddetto "pop colto" della fase successiva. Ricordiamo "Orizzonti Perduti", "Mondi lontanissimI", poi "L'imboscata" del 1996 che contiene "çA cura", uno dei brani più iconici della sua carriera, nato dalla collaborazione con il filosofo Manlio Sgalambro.