9 Agosto 2011
20:04

E’ italiano il primo libro su Amy Winehouse: l’intervista all’autore

Ecco il video dell’intervista ad Episch Porzioni, uno degli autori del libro sulla morte di Amy Winehouse uscito ad appena una settimana dalla morte dell’artista.
A cura di Valentina Scionti
Amy Winehouse

Si è parlato nei giorni scorsi del business legato alla morte di Amy Winehouse: dopo la sempre più vicina uscita di un album di inediti della compianta cantautrice britannica, dopo le strumentalizzazioni fatte da Forza Nuova e da Alberoni, anche l'editoria si è impegnata a trarre profitto dalla vicenda.

La vita di Amy Winehouse, e ancora di più la sua morte, infatti, sono le protagoniste di un instant book che ha battuto ogni record con la sua pubblicazione ad una settimana esatta dalla morte della star. Se pensate alle solite "americanate", magari in versione "coccodrillo", però, vi sbagliate.

Gli autori di Amy Winehouse fino alla morte, questo il titolo del libro, sono italiani, precisamente di Genova. E in questo video uno di loro, Episch Porzioni, presenta al Secolo XIX in prima persona la propria opera. Se già eravate tra quanti tolleravano di malgrado l'uscita a tempo di record di questo libro, aspettate di sentire l'intervista per trovarvi di fronte a qualcuno che sembra non aver minimamente compreso il significato di termini quali rispetto e decoro.

Sicuramente il libro sarà un grande successo, ma sarebbe opportuno che anche l'Italia iniziasse ad essere ricordata nel mondo per qualcosa di più positivo che non i soliti scandali politici e ora anche una certa qual passione per lo sciacallaggio mediatico.

Ascolta Amy, l'omaggio dei Green Day ad Amy Winehouse
Ascolta Amy, l'omaggio dei Green Day ad Amy Winehouse
Amy Winehouse: il business dopo la morte
Amy Winehouse: il business dopo la morte
Per Amy Winehouse è sempre più vicino il primo album di inediti postumo
Per Amy Winehouse è sempre più vicino il primo album di inediti postumo
Alessandra De Stefano a lutto per Davide Rebellin:
Alessandra De Stefano a lutto per Davide Rebellin: "In Italia si muore ancora in bici"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni