Sergio Cerruti, Presidente AFI
in foto: Sergio Cerruti, Presidente AFI

Mentre la crisi investe anche il settore musicale, come hanno confermato nei giorni scori il Presidente di Assomusica e conferma oggi la FIMI, l'Afi cerca di supportare gli associati. Con un comunicato inviato oggi l'Associazione Fonografici Italiani ha fato sapere di aver stanziato 100 mila euro a favore delle attività dei propri associati, a disposizione dal 15 aprile 2020. Lo ha deciso il Presidente Sergio Cerruti dopo un consiglio tenuto in videoconferenza: "Sono state approvate, su mia proposta, una serie d’iniziative a supporto delle nostre imprese e dei nostri associati, per le loro famiglie, per un indotto che rappresenta migliaia di persone".

Tre interventi per supportare gli associati

In un momento in cui si cerca di capire cosa succederà al mercato, con il Presidente di Assomusica che aveva dichiarato a Fanpage.it che in pochi giorni il settore aveva perso oltre 40 milioni di euro e con tutto il mercato live immobile, c'è chi tenta di invertire leggermente la tendenza. L'AFI si muoverà con tre interventi, come spiega Cerruti: "Il primo legato alla quota associativa, il secondo a un sistema di anticipi basato sulla tipologia del diritto e la storicità dell’associato, mentre il terzo è a più ampio spettro e riguarda interventi a fondo perduto che andranno direttamente nelle casse degli imprenditori".

Snellire la richiesta di aiuti finanziari per l'AFI

Per accedere ai fondi, continua Cerruti, l'AFI pensa a un sistema snello che che devono evitare l'eccessiva burocratizzazione: "Nel nostro piccolo  vogliamo dare un contributo concreto alle imprese con provvedimenti e azioni verticali che vanno direttamente a supportare chi oggi si trova in difficoltà, senza se e senza ma. Mi piace parlare di buon esempio, ci siamo mossi velocemente, predicando poco e agendo tanto" chiude Cerruti