116 CONDIVISIONI
1 Aprile 2013
15:11

Califano, dopo una strada intitolata, il concerto in suo onore

Dopo l’annuncio del sindaco di Roma, Alemanno, sulla possibilità di una via intitolata al Califfo, adesso si fa molto probabile l’organizzazione di un concerto in onore del cantautore scomparso. Lo ha annunciato l’assessore alla cultura della città capitolina.
A cura di Andrea Parrella
116 CONDIVISIONI
small_110419-133556_to030305spe_0054

E' arrivata da poche ore la notizia secondo la quale, su decisione del sindaco di Roma Gianni Alemanno, una strada sarà intitolata a Franco Califano, il cantautore scomparso improvvisamente nella sera di sabato. La camera ardente è aperta in Campidoglio e stiamo seguendo, dal vivo, l'arrivo di molti amici "noti" per l'ultimo saluto,primo fra tutti Fiorello. Adesso si caldeggia anche l'ipotesi che a Roma, a stretto giro, si possa tenere un concerto in onore di "Er Califfo", che lo omaggi con una riproposizione di tutti i suoi grandi successi. E' stato proprio l'assessore capitolino alla Cultura, Dino Gasperini, a confermare questa intenzione da parte del comune di Roma. Ecco quanto ha detto:

Ho parlato stamani con il suo grande amico, il cantautore Edoardo Vianello e gli ho chiesto di verificare la disponibilita' di altri artisti per organizzare un evento

La suggestione si fa più probabile visto che esisterebbe anche l'ipotesi di una data per il concerto, che cadrebbe proprio durante il mese che oggi comincia. Ha infatti proseguito Gasperini:

Ci piacerebbe ricordarlo gia' il 21 Aprile, nel giorno del Natale di Roma, magari con un concerto a lui dedicato

116 CONDIVISIONI
Il sindaco Alemanno:
Il sindaco Alemanno: "A Roma ci sarà una strada intitolata a Franco Califano"
Califano: il concerto-tributo in piazza del Popolo
Califano: il concerto-tributo in piazza del Popolo
2.311 di AnnalisaPerla
Concerto tributo a Franco Califano, 50 artisti a Roma il 21 aprile
Concerto tributo a Franco Califano, 50 artisti a Roma il 21 aprile
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni