1 Aprile 2013
12:53

Camera ardente di Califano in Campidoglio, Fiorello tra i primi ad arrivare

Dalle 10.00 di questa mattina fino alle 19.00 la salma di Franco Califano sarà esposta nella sala della Protomoteca in Campidoglio. Tra i primi ad arrivare l’amico Fiorello.
A cura di Eleonora D'Amore
FRANCO CALIFANO

La salma di Franco Califano, morto sabato scorso per un arresto cardiaco, è stata esposta nella sala della Protomoteca in Campidoglio dalle 10.00 di questa mattina. Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha motivato così la scelta della camera ardente: "Era anche un mio amico personale e non lo posso dimenticare. Vogliamo testimoniare tutta la vicinanza della città a questa bella figura di artista, controversa, con tante contraddizioni, ma anche con tanta umanità".

Tra i primi ad arrivare è stato l'amico Fiorello, colui che in vita gli ha reso omaggio con una delle sue più entusiasmanti imitazioni: "Insieme abbiamo ritrovato la grinta. Quando io ho iniziato ad imitarlo eravamo entrambi in crisi e poi abbiamo superato questo momento. È sicuramente uno che la vita se l'è goduta. Sono venuto qui per vedere la gente che c'è, ed è tanta, nonostante sia la Pasquetta. E noi tutti sappiamo come Califano non amasse i giorni di festa".

Ed in effetti a fare la fila verso al sala della Protomoteca si sono susseguite già più di 300 persone, visibilmente commosse. Nella camera ardente allestita nella sala, la salma del Califfo ha lasciato trasparire tutta la sua essenza, con i suoi braccialetti, la collana da macho al collo e la camicia sbottonata. Preparato come in un giorno qualunque, proprio come se non se ne fosse mai andato.

Califano, aperta camera ardente: fra gli altri anche Fiorello
Califano, aperta camera ardente: fra gli altri anche Fiorello
1.166 di cronista
Fiorello su Califano:
Fiorello su Califano: "Siamo rinati insieme, spero in un film sulla sua vita"
Jannacci, nella camera ardente un paio di scarpe da tennis
Jannacci, nella camera ardente un paio di scarpe da tennis
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni