207 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2021
4 Marzo 2021
18:41

Arisa racconta “Potevi fare di più”: “Gigi D’Alessio mi ha raccontata in modo limpido”

Alla settima partecipazione al Festival di Sanremo, Rosalba Pippa, in arte Arisa, arriva con un brano che racconta la fine di una relazione tossica, stremata dal comportamento dei due partner. A scriverla per lei, Gigi D’Alessio, con cui condivide tanta empatia. Ma è Pino Daniele la sorpresa, con la cantante che si esibirà con “Quando” con Michele Bravi.
A cura di Francesco Raiola
207 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2021

Rosalba Pippa, in arte Arisa, torna al Festival di Sanremo 2021 con la canzone "Potevi fare di più", scritta per lei da Gigi D'Alessio e che raccoglie la sua settima partecipazione alla kermesse musicale. Dopo la vittoria con "Sincerità", Arisa ritorna con un brano che racconta gli ultimi istanti di una relazione tossica, e confessa che cantare questa storia d'amore è anche un modo per esorcizzarla. Dalla coesione con Gigi D'Alessio, all'omaggio a Pino Daniele, " l'esempio di come rimanere attaccati alle proprie radici, pur avendo uno sguardo sul mondo", che porterà sul palco dell'Ariston durante la terza serata, quando si esibirà con Michele Bravi sulle note di "Quando".

Torni a Sanremo con un brano scritto da Gigi D'Alessio, ma che parla di te. Come ti senti?

Ho avuto la grande fortuna di avere un amico, un alleato come Gigi che ha saputo raccontarmi in una maniera limpida. Ci sono state tante volte in cui magari non sono stata capita, o comunque ho avuto dei comportamenti che sono sembrati un pochino over the top. Oltre a questo lato esteriore della nostra vita, abbiamo anche un'altra parte. Siamo anche persone e a volte la vita personale incide tantissimo anche sulla vita lavorativa, poter cantare quest'amore è anche un modo per esorcizzarlo.

Com'è cambiato il concetto di felicità per te negli anni?

È veramente un dovere essere felice. Ho incominciato a frequentare lo psicologo da quando avevo 22 anni, ma proprio perché mi rendo conto di quanto un nostro disagio possa influire sulla vita degli altri. Se teniamo alle persone che abbiamo intorno è giusto farlo per noi, ma anche per loro.

Canti "A che serve truccarmi, se nemmeno mi guardi", un verso scritto da un uomo.

Sinceramente mi piace che il mio uomo noti che sono bella e che mi sono fatta bella per lui. È una cosa naturale, non significa essere sottomessi, ma significa amare, punto. Non è una cosa che riguarda solo noi donne, io vedo per esempio il mio ragazzo che va dal parrucchiere, si fa la piega e viene a casa mia per farmi vedere quanto è carino.

Cosa ti ha spinto a scegliere una canzone di Pino Daniele per la terza serata?

Pino Daniele è l'esempio di come rimanere attaccati alle proprie radici, pur avendo uno sguardo sul mondo. Lui faceva blues che non è una musica prettamente italiana, però lui la faceva e anche in italo-napoletano, abbiamo tanto da imparare da Pino Daniele, perché noi siamo molto esterofili. Pino Daniele ci ha insegnato che si può rimanere se stessi, anche essendo molto all'avanguardia.

Cosa ha ispirato il look di Sanremo?

Mi ha ispirato un po' il Piccolo principe e un po' Lady Oscar.

Perché hai scelto Michele Bravi?

Michele è una delle voci maschili italiane più belle e le nostre voci insieme sono molto belle, si crea un impasto bellissimo. Lui poi è una persona molto sensibile e un grande professionista, non andando nel privato però era ora che ritornasse sul palco, dopo aver avuto una grande vittoria con "Il diario degli errori". Uno scoglio non può arginare il mare.

Con al collaborazione di Vincenzo Nasto

207 CONDIVISIONI
498 contenuti su questa storia
Sanremo, l'annuncio di Annalisa: "Nella serata delle cover un ospite pazzesco con me"
Sanremo, l'annuncio di Annalisa: "Nella serata delle cover un ospite pazzesco con me"
491 di Viral Show
Noemi: "Ho sentito l'urgenza di cambiare. Il sovrappeso era un involucro per difendersi dal mondo"
Noemi: "Ho sentito l'urgenza di cambiare. Il sovrappeso era un involucro per difendersi dal mondo"
Enzo Mazza, FIMI: "La Gran Bretagna studia Sanremo per proteggere i Brit Awards dal Covid"
Enzo Mazza, FIMI: "La Gran Bretagna studia Sanremo per proteggere i Brit Awards dal Covid"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni