114 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Opinioni
Festival di Sanremo 2019

Altro che Sanremo 2019: questa è la settimana dei Massive Attack in Italia

I Massive Attack sbarcano in Italia con “Mezzanine XX1”. La band di Bristol celebra il 21esimo anniversario dall’uscita dell’album, pietra miliare del trip hop, con tre date nel nostro Paese – il 6 febbraio a Milano, l’8 a Roma e il 9 Padova – con uno show multimediale che reinterpreta brani celeberrimi come il mitico “Teardrop”.
114 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

C'è un'altra Italia ed è quella dei sold out previsti ai tre concerti previsti tra Milano, Roma e Padova dei Massive Attack, il famoso e ormai mitico gruppo di Bristol che torna in Italia con tour che celebra dopo 21 anni l’anniversario dell’uscita della pietra miliare del trip hop, l'album “Mezzanine”. I concerti del tour "Mezzanine XX1", accompagnati dai visual della formazione guidata da Robert Del Naja e Daddy G, fa tappa in Italia da stasera con tre imperdibili concerti: il 6 febbraio a Milano, al Mediolanum Forum, l’8 febbraio a Roma, al Palalottomatica, e il 9 a Padova, al Kioene Arena. L'appuntamento è di quelli imperdibili, nonostante il monopolio sanremese di questi giorni.

Ma non tutti – per fortuna – in questi giorni sono chiusi in casa davanti a uno schermo ad ascoltare la musica del Festival di Sanremo 2019. I Massive Attack, infatti, inebrieranno i loro fan con lo show che reinterpreta il loro capolavoro, "Mezzanine XX1", e sarà una produzione nuova dal punto di vista audio e video con contributi di Elizabeth Fraser e la realizzazione di Robert Del Naja. Lo spettacolo immagina l'album considerato tra i principali della storia della musica, "Mezzanine", 21 anni dopo la sua uscita, con un nuovo sound ricostruito attraverso i sample e le influenze originali.

Robert Del Naja ha spiegato nei mesi scorsi che Mezzanine XX1 "sarà un lavoro notevole e coeso. Il nostro viaggio cerebrale da incubo più nostalgico e personale”. Non poteva essere altrimenti per il gruppo di Bristol, band di culto che negli anni Novanta si è davvero inventata una genere, anticipando diverse tendenze, tra cui quello della multimedialità degli show, oggi al centro di quasi tutte le più significative esperienze live.

Assieme a Tricky e Portishead, i Massive Attack sono stati i protagonisti di quel genere identificato come "sound di Bristol", dove mescolarono elettronica a vocalizzi e influenze soul e hip-hop. Pochi album, alcuni capolavori e un tatuaggio impresso a fuoco nella formazione di una generazione che oggi va per i quaranta e oltre. Non resta, dunque, per emozionarsi che aspettare le prime note di "Teardrop", il famoso singolo il cui videoclip nella seconda metà degli anni Novanta divenne un vero e proprio cult. E poi segnarsi in agenda che il disco di "Mezzanine" uscirà per intero il 19 aprile in una versione rimasterizzata con inediti.

114 CONDIVISIONI
Immagine
Scrittore, sceneggiatore, giornalista. Nato a Napoli nel 1979. Il suo ultimo romanzo è "Le creature" (Rizzoli). Collabora con diverse riviste e quotidiani, è redattore della trasmissione Zazà su Rai Radio 3.
524 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views