Dopo un anno e mezzo di successi Ultimo è stato nominato ufficialmente Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia. La nomina è arrivata dal Presidente dell'UNICEF Italia Francesco Samengo durante un incontro con i bambini della scuola elementare dell’Istituto Comprensivo “Ghandi” di Roma. Il video dell'investitura, fa sapere l'Unicef, sarà trasmesso il prossimo 13 novembre durante i programma "Prodigi – la musica è vita" che andrà in onda su Rai Uno: "Sono orgoglioso di dare il più caloroso benvenuto a Ultimo nella famiglia dell'UNICEF Italia. Attraverso i suoi testi e la sua musica riesce a parlare ai cuori di milioni di persone, soprattutto dei giovani, con grande sensibilità – ha detto Samengo -. Per la sua nomina abbiamo scelto questa motivazione: il Comitato Italiano per l'UNICEF nomina Ultimo Ambasciatore di Buona Volontà per la sua grande generosità e per il suo appassionato impegno in difesa degli ‘ultimi’, i bambini e le bambine più svantaggiati di tutto il mondo".

Tour negli stadi: parte dell'incasso all'Unicef

Lo scorso luglio Ultimo aveva annunciato che parte dell'incasso del suo tour negli stadi che terrà nel 2020 sarebbe stati devoluto proprio al Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, che tutela e promuove in tutto il mondo i diritti di bambini e adolescenti. In particolare la somma sarà devoluta per i progetti UNICEF in Mali di lotta contro la malnutrizione e a sostegno di vaccinazioni, impianti idrici e servizi igienico sanitari.

Il messaggio di Ultimo ai bambini

Il cantante, che in un anno e mezzo è riuscito a rendere il suo pubblico sempre più ampio, vincere un Sanremo Giovani e arrivare secondo tra i Big nel 2019, conquistando le classifiche di vendita con tutti e tre i suoi album, è tornato nella scuola del suo quartiere. E lo ha fatto con un messaggio preciso, ricordando ai piccoli di “rimanere sempre bambini, di continuare a sorprendersi e di credere nei sogni”. Il cantante ha anche ricevuto una speciale “Pigotta-Ultimo” (con tanto di occhiali e di tatuaggi) realizzata da alcuni volontari UNICEF, che verrà successivamente messa all’asta per i progetti dell’organizzazione.