Tekashi 6ix9ine è stato ricoverato per overdose negli scorsi giorni in un ospedale della Florida, a causa di un abuso di pillole dimagranti e caffeina. Il rapper che aveva pubblicato lo scorso 7 settembre l'ultimo album "Tattle Tales", ha confessato di aver pensato di morire a causa di una tachicardia. 6ix9ine assume da tempo Hydroxycut, un integratore dimagrante che utilizza dopo aver preso molto peso in carcere.

Il ricovero in Florida

Il rapper di New York 6ix9ine è stato ricoverato in Florida negli scorsi giorni, a causa di un'overdose di integratori dimagranti e caffeina, che gli avrebbero provocato una forte tachicardia. Il rapper durante un'intervista per un magazine americano ha confessato di aver preso il doppio del consumo indicato per la pillola dimagrante, e di aver assunto una quantità notevole di caffè. Una scelta che gli avrebbe provocato subito una forte sudorazione e un aumento della frequenza cardiaca. Ha confessato poi di aver avuto molti problemi con l'assunzione dell'integratore, un potente dimagrante che gli ha sempre provocato problemi, alcune volte anche nel camminare. La situazione si sarebbe evoluta fino al collasso degli scorsi giorni, che lo ha costretto ad essere trasportato e ricoverato in un ospedale della Florida.

L'assunzione della pillola dimagrante

L'assunzione del dimagrante sarebbe figlio dell'aumento di peso di 6ix9ine, dopo il rilascio della prigione, un periodo stressante che gli avrebbe provocato dei disturbi alimentari. Dall'uscita di prigione, Tekashi ha dovuto affrontare le tante minacce e il clima di persecuzione dopo le sue confessioni durante il processo, e la progettazione del nuovo album, che ha avuto delle vendite di molto inferiori a quelle prospettate. L'assunzione del Hydroxycut sarebbe dovuta finire al raggiungimento dei 70 kg, un obbiettivo ancora molto lontano dall'essere raggiunto.

Il flop di Tattle Tales

L'ultimo progetto musicale di 6ix9ine "Tattle Tales" è stato un flop, secondo il responso degli ascolti su piattaforma digitale, ma soprattutto delle vendite del disco. Un album che prometteva bene, dovuto anche alle aspettative dei vari singoli usciti per anticipare il progetto, come "Gooba" e "Trollz". Le previsioni lo vedevano già in cima alla Billboard Hot 200 con circa 150 mila ascolti nella prima settimana, ma il numero è sceso a circa 40-50 mila e sono arrivati i primi scontri con Billboard. Infatti la rivista non conterebbe gli ascolti dell'album venduti attraverso un bundle con merchandising all'interno, una mossa che avrebbe diminuito in maniera considerevole il successo di "Tattle Tales", facendolo debuttare solo al 4° posto. Questa alla fine sarà la posizione più alta raggiunta dal disco.