277 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Amici di Maria De Filippi 2022/2023

Serale di Amici 2023, le pagelle della terza puntata: Wax è la grande delusione

Stasera, sabato 1 marzo va in onda la terza puntata del Serale di Amici 2023 dove si sfidano gli allievi del talent di Maria De Filippi. Qui le pagelle.
A cura di Vincenzo Nasto
277 CONDIVISIONI
Wax 2023, foto di Account Twitter Amici
Wax 2023, foto di Account Twitter Amici
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Stasera, sabato 1 marzo è andata in onda la terza puntata del Serale di Amici 2023, dove si sfidano gli allievi del talent di Maria De Filippi. A tre settimane dall'inizio del serale, dove sono state distribuite le 15 casacche dorate ai migliori interpreti di questa edizione, sono state formate le squadre: la prima capitanata da Rudy Zerbi e Celentano, la seconda da Emmanuel Lo e Lorella Cuccarini, mentre l'ultima squadra viene diretta dalla coppia Arisa – Raimondo Todaro. Al Serale, arrivano tre nuovi giudici: il trio Cristiano Malgioglio, Giuseppe Giofrè e Michele Bravi. Dopo le prime puntate sono stati eliminati Megan, NDG, Piccolo G e Gianmarco. L'unico eliminato della serata è il ballerino Samu, in ballottaggio finale contro Wax. Qui le pagelle.

Le pagelle della terza puntata del Serale di Amici 23

Cricca voto 6

È la leggerezza del suo viso, della sua voce, a convincere tutti: per il resto ci pensa Lucio Dalla con uno dei più grandi successi della sua discografia, Tu non mi basti mai. Vincere la sfida con Aaron con un brano del genere è la chicca della settimana, un po' come la salsa bianca nella piadina.

Angelina, voto 7,5

Si può dire qualcosa a questa Angelina. La sua Lift me up di Rihanna ha un potere che attraversa mente e spirito, una voce che trasuda emozione: possiamo dare ragione a Michele Bravi quando dice che la seguiremo "anche se cantasse in cinese". L'acuto e i colpi sul petto durante il ritornello del brano sono quei passi in avanti, fatti quasi di nascosto, delle ultime puntate: un'autorità scenica che le servirà quando ne dovrà calcare altri di palchi. Tipo quello degli anni 60′, quando riprende Nancy Sinatra e la sua These Boots Are Made for Walkin': non è il suo campo, ma la sua posizione in nomination è giusto di facciata.

Federica, voto 6

Per la seconda puntata consecutiva, la sua voce si sente poco, vittima delle altre sfide, che la relegano solo a un brano in cui cerca di scacciare via ogni ansia d'eliminazione, soprattutto dopo lo spavento della prima puntata. La sua Valerie di Amy Winehouse è ben interpretata, senza acuti, ma anche senza scivoloni. E quando si tira in ballo una cantante come Amy Winehouse, non è la cosa più semplice del mondo.

Aaron, voto 6,5

Quando si dice uscire dalla propria zona d'ombra per guardare il sole, magari anche correndo il rischio di bruciarsi gli occhi. Aaron lancia la sua voce in universi distanti, come in La verità di Brunori Sas, in cui incide e mette a segno un gran colpo, anche subendo la sconfitta contro Mattia. Ma la ciliegina della serata non può che essere l'interpretazione di Ti sento dei Matia Bazar, acuti e grattato che non hanno bisogno di commenti e/o complimenti: possa piacere o meno, la sua voce ha più dimensioni e Malgioglio non trova le parole per descriverla. Lo stesso giudice non gli perdona personalismi di bersaniana memoria in L'emozione non ha voce di Adriano Celentano, né la presenza scenica in With A Little Help From My Friends dei Beatles, che gli vale la sconfitta contro Cricca. Si riprende tutto con Fallin di Alicia Keys che gli dà spazio di alzare le ottave nel grattato, salvandosi dalla nomination per l'eliminazione finale.

Wax, voto 5

Perdonata la prima, perdonata la seconda, la terza insufficienza toglie la maschera e gli alibi a Wax. Il cantante, tra i favoriti alla vittoria finale nel percorso pre-serale, dovuto anche all'empatia con il pubblico e alla padronanza del palco, sembra vivere un momento di insicurezza, che non gli permette di esprimersi al meglio sul palco. Nella sua comfort zone, cerca la luce con una Surfin' in USA di Wax, mentre Aaron, pochi minuti dopo divora il palco con Ti sento dei Matia Bazar. Si riprende un po' con Ballerine e guantoni, il suo secondo inedito, e ci sono sprazzi di cielo in cui immergersi, prima di venire inghiottito dalla paura per l'eliminazione. Quando tutto sta per crollare, quando anche la fiducia del cantante suggeriva una sua uscita, lo salvano la rabbia di Mio fratello è figlio unico e dell'inedito Grazie. Samu diventa la sua vittima sacrificale, dopo due puntate in cui era stato celebrato con il premio Tim per il miglior artista della serata.

277 CONDIVISIONI
323 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views