2.129 CONDIVISIONI
9 Gennaio 2014
16:36

Se CasaPound commemora Fabrizio De Andrè

La sezione di Viterbo di CasaPound commemorerà Fabrizio De Andrè nel giorno del 15° anniversario della sua morte. Un ricordo che non mancherà di scatenare polemiche per l’iniziativa per il cantautore che si definiva anarchico.
A cura di Francesco Raiola
2.129 CONDIVISIONI

Mancano solo due giorni all'anniversario della morte di Fabrizio De Andrè. L'11 gennaio del 1999 uno dei più grandi cantautori italiani morì a seguito dell'aggravarsi del carcinoma polmonare che gli era stato diagnosticato qualche mese prima. Quest'anno, quindi, sono 15 anni dalla sua morte e come per tutti i grandi l'appuntamento è ancora più sentito e non mancheranno commemorazioni e ricordi (come, tra l'altro, avviene ogni anno). Ma pare che in questo 2014 ce ne sarà uno particolare e che non mancherà di far discutere.

Sta girando molto sui social, infatti, un volantino della sezione di Viterbo di CasaPound in cui ci si prepara a commemorare con una mostra fotografica quello che è definito dal gruppo di estrema destra "uno dei più grandi cantautori italiani con una mostra fotografica". Un omaggio che a qualcuno potrebbe far pensare a una provocazione per un autore che si definiva anarchico e il cui padre si era dato alla macchia per fuggire ai fascisti. E "fascisti del terzo millennio" è come si definiscono alcuni componenti proprio dell'organizzazione politica.

E così, tra degustazioni di prodotti tipici su sottofondo delle note del cantautore di "Storia di un impiegato" e una "conversazione su De Andrè uomo, autore e poeta" CasaPound cerca cerca di celebrare un artista che era fuori dai comuni denominatori politici e che, mai, probabilmente, si sarebbe accostato ai fascisti del terzo millennio (né, probabilmente, a un suo opposto politico).

Questo improvviso amore musicale per cantautori non propriamente vicini a posizioni di estrema destra aveva colto CasaPound già qualche anno fa, quando comparvero alcuni manifesti con la faccia di Rino Gaetano e la data di nascita e morte che furono affissi perché "piaceva", come scrissero nell'Ideodromo, là dove era citato proprio un De Andrè definito indirettamente uno pesante, quando nella spiegazione del perché Gaetano scrivevano: "I testi delle sue [di Rino Gaetano, ndr] canzoni colpiscono perché parlano di problemi sociali, di vita reale, attaccano i personaggi cult della nostra società (gli Agnelli, i Costanzo, gli onorevoli e i senatori, ecc.), ma lo fanno in modo leggere, scanzonato, irriverente e divertente, in un modo che lo differenzia dai vari Guccini e De André".

Insomma la provocazione è dietro l'angolo e evidentemente i fascisti del terzo millennio hanno mollato un po' la leggerezza per darsi a qualcosa di più impegnato.

Ora resta da capire chi sarà il prossimo.

2.129 CONDIVISIONI
15 anni senza il genio di Fabrizio De Andrè
15 anni senza il genio di Fabrizio De Andrè
Alba Parietti e Cristiano De Andrè di nuovo insieme a Sanremo 2014
Alba Parietti e Cristiano De Andrè di nuovo insieme a Sanremo 2014
Fabrizio De Andrè canta "Il Pescatore"
Fabrizio De Andrè canta "Il Pescatore"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni