Sono stati resi noti tutti i duetti che si terranno nella quarta serata del 69° Festival di Sanremo, quella di venerdì, quando tutti i 24 Big in gara duetteranno assieme ad alcuni ospiti per rileggere la loro canzone. Un appuntamento ormai fisso che anche lo scorso anno fu molto apprezzato. Durante i preascolti delle canzoni il Direttore Artistico Claudio Baglioni aveva reso noti i primi duetti, ma solo oggi abbiamo il computo complessivo degli artisti che affiancheranno quelli in gara e ci sarà anche qualche sorpresa. Ci sarà Morgan, che tornerà sul palco dell'Ariston con Achille lauro, per un duetto che si prepara esplosivo, mentre torneranno sul quel palco con un anno di distanza Diodato che assieme ai Calibro 35 affiancheranno Ghemon che ricambia l'invito dell'anno prima, così come tornerà anche Roy Paci che assieme ad Enrico Ruggeri accompagneranno i Negrita. Inaspettato anche l'arrivo di Cristina D'Avena che duetterà con Federica Carta e Shade mentre Caterina Guzzanti e Noemi saranno con Irama.

Ecco tutti i duetti: Achille Lauro con Morgan con "Rolls Royce", Anna Tatangelo con Syria ne "Le nostre anime di notte", Arisa con Tony Hadley e i Kataklò in "Mi sento bene", BoomDaBash con Rocco Hunt in "Per un milione", Daniele Silvestri con Manuel Agnelli in "Argento vivo", Einar con Biondo in "Parole nuove", Enrico Nigiotti con Paolo Jannacci in "Nonno Hollywood", Ex-Otago con Jack Savoretti in "Solo una canzone", Federica Carta e Shade con Cristina D’Avena in "Senza farlo apposta", Francesco Renga con Bungaro e Eleonora Abbagnato in "Aspetto che torni", Ghemon con Diodato e i Calibro 35 in "Rose viola", Irama con Noemi e Caterina Guzzanti in "La ragazza con il cuore di latta",  Loredana Bertè con Irene Grandi in "Cosa ti aspetti da me", Mahmood con Guè Pequeno in "Soldi", Motta con Nada in "Dov’è l’Italia", Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci in "I ragazzi stanno bene", Nek con Neri Marcorè in "Mi farò trovare pronto", Nino D’Angelo e Livio Cori con i Sottotono in "Un’altra luce", Paola Turci con Beppe Fiorello ne "L’ultimo ostacolo", Patty Pravo e Briga con Giovanni Caccamo in "Un po’ come la vita", Simone Cristicchi con Ermal Meta con "Abbi cura di me", Ultimo con Fabrizio Moro ne "I tuoi particolari", Zen Circus con Brunori Sas in "L’amore è una dittatura" e il violinista Alessandro Quarta con Il Volo in "Musica che resta".