Con "Ritornerò, ritornerai" Roby Facchinetti ha messo a segno una canzone che ha avuto un'eco enorme, grazie anche al suo intento benefico. L'ex Pooh, infatti, in pieno lockdown ha pubblicato il brano scritto assieme a Stefano D'Orazio per raccogliere fondi da devolvere all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, città particolarmente colpita dal Covid-19. Sono passati mesi da quella pubblicazione, il pezzo ha raccolto milioni di views e ha lanciato anche i nuovi progetti del cantante. Facchinetti, infatti, ha pubblicato il suo primo romanzo, "Katy per sempre" e sta per pubblicare il nuovo album "Inseguendo la mia musica", lanciato dal singolo "Fammi volare" (il titolo di uno dei quattro inediti e una bellissima frase, perché ogni cosa che si vede dall'alto diventa bella"), che segnerà una nuova tappa della sua carriera.

L'importanza dei Pooh

A Fanpage.it Facchinetti ha spiegato che il libro "è la storia di una donna coraggiosa, una donna che attraversa gli anni della crescita del nostro Paese, che ha una vita molto articolata, però ha una compagna fedelissima nella sua vita, che la salva continuamente, ed è la musica". Insomma, un capitolo nuovo che comunque si poggia su una carriera che supera i 50 anni di carriera, gli stessi che qualche anno fa i Pooh hanno festeggiato con una reunion lunga un anno: "I Pooh rappresentano e rappresenteranno per sempre la più bella e straordinaria avventura della mia vita, sia professionale che umana – ha spiegato a Fanpage.it -. Sono una cosa straordinaria, irripetibile, senza peccare di presunzione, 80 milioni di dischi venduti, abbiamo avuto la possibilità di portare la nostra storia al cinquantennale con una reunion, richiamando sul palco Stefano D'Orazio dopo 7 anni e Riccardo Fogli dopo ben 43 anni, un miracolo".

Rinascerò, rinascerai, il virus e Lady Gaga

Gli oltre 16 milioni di visualizzazioni di "Rinascerò, rinascerai" canzone nata subito dopo aver visto le immagini delle salme portate via dall'esercito, sono stati inaspettati per il cantante, al quale, il brano, "ha cambiato completamente la mia vita. Nato in un momento indimenticabile, di sofferenza, è un inno alla vita, è entrato nel cuore di tutti, probabilmente il più grande successo della mia vita, sia per me che per Stefano D'Orazio" ha spiegato parlando anche del periodo complesso che ha vissuto ("Il virus ha tentato di fermare la musica ma non ce l'ha fatta, anzi, abbiamo avuto bisogno ancora di più di vivere la musica, di ascoltare la musica") e il tentativo di tornare a una vita artistica quanto più normale possibile: "Quest'estate ho avuto il coraggio di riprendere in mano il mio mestiere, in una situazione difficile, ho voluto farlo per me, per tornare sul palco e anche per le persone che lavorano con me, i lavoratori dello spettacolo, questi invisibili. L'ultima preghiera prima di dormire è che si esca  da questa terribile situazione". Qualche mese fa, inoltre, parlando del brano Facchinetti espresse il desiderio di un feat con Lady Gaga: "L'adoro, sono innamorato, sono innamorato di questa artista, la sua semplicità mi cattura, la mia semplicità mi cattura, la trovo di un sexy straordinario, è un'artista completa".

La moglie e i figli

Prima di svelare, poi, di aver inviato un messaggio al suo amico Fausto Leali, cacciato dalla casa del Grande Fratello a causa dell'uso della parola "ne*ro" ("Gli mandato un vocale dicendogli che non deve sentirsi in colpa, è una persona per bene, per nulla razzista. Voleva essere una battuta detta da una persona perbene") ha parlato anche della sua famiglia, dalla moglie Giovanna ("donna straordinaria che ha avuto la sfortuna di conoscermi e di sposare un musicista, lei non ama il personaggio il musicista ma ama l'uomo ed è la cosa che mi piace di più") dei figli, la vera reincarnazione per un genitori.