26 CONDIVISIONI

Polemiche per Pupo che parteciperà al festival bielorusso patrocinato dal dittatore Lukashenko

Pupo ancora una volta al centro di alcune polemiche per aver accettato di partecipare a un Festival in Bielorussia, Paese del dittatore Lukashenko.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Redazione Music
26 CONDIVISIONI
Immagine

Pupo parteciperà al Festival bielorusso Slavjanskij Bazaar di Vitebsk, evento patrocinato direttamente dal dittatore Alexander Lukashenko, amico di Putin. Una partecipazione che potrebbe far discutere, come successo qualche mese fa, quando il cantante avrebbe dovuto partecipare come giurato al Festival russo Road to Yalta, scatenando critiche e dovendo fare marcia indietro, come spiegò a Dagospia, dichiarando che di aver subito "minacce reali di persone che si sono insinuate non so come nella mia privacy, e in qualche modo mi hanno fatto riflettere sul da farsi in questa circostanza".

Non è un mistero che il cantante sia una vera e propria star in Russia e in molti paesi dell'est europeo, probabilmente anche per questo viene continuamente invitato ai festival. Questa volta l'invito è arrivato da un noto festival bielorusso che si tiene dal 1992 e che è patrocinato direttamente da Lukashenko che anche questa volta ha dato il la all'evento, come si legge sul sito del Festival, che spiega come il dittatore sia "salito sul leggendario palcoscenico dell'Anfiteatro estivo, che da tempo aveva preso sotto il suo patrocinio" ed è "stato è stato accolto calorosamente da un pubblico tutto esaurito".

Il Presidente bielorusso è accusato di violare molti dei diritti fondamentali del popolo bielorusso, e la sua elezione non è stata riconosciuta dal Consiglio europeo che l'ha definita priva di qualsiasi legittimità democratica. Il Consiglio non ha riconosciuto le ultime elezioni presidenziali svoltesi il 9 agosto del 2020 perché "non sono state né libere né regolari", spiegando che "Tale ‘investitura' è in diretto contrasto con la volontà di gran parte della popolazione bielorussa, espressa in numerose proteste pacifiche senza precedenti avvenute dopo le elezioni, e serve solo ad aggravare ulteriormente la crisi politica in Bielorussia". Insomma, non proprio il paese più democratico con cui l'Europa ha a che fare, ma che ama Pupo ed evidentemente è amato da Pupo che risulta nella line up del festival. Per ora Pupo non ha risposto alle polemiche.

26 CONDIVISIONI
"Neanche mio padre mi diceva cosa fare", Pupo andrà al festival voluto dal dittatore Lukashenko
"Neanche mio padre mi diceva cosa fare", Pupo andrà al festival voluto dal dittatore Lukashenko
Pupo non farà più il giurato in Russia: "Non dipende dalle polemiche, poi vi spiegherò"
Pupo non farà più il giurato in Russia: "Non dipende dalle polemiche, poi vi spiegherò"
Pupo al Cremlino, sarà giurato al Festival Road to Yalta: "Canzoni sovietiche sulla guerra"
Pupo al Cremlino, sarà giurato al Festival Road to Yalta: "Canzoni sovietiche sulla guerra"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni