Negli ultimi mesi sono uscite, per i propri rispettivi progetti solisti, alcune interviste di Paola e Chiara Iezzi, le sorelle che per qualche anno si sono prese il mondo della dance italiana, trovando anche un buon successo all'estero. Per un po' le due sorelle, una bionda e l'altra mora, hanno rappresentato per alcuni un pezzo della musica italiana con canzoni tormentoni come "Vamos a bailar", "Festival" e "Amici come prima", finché a un certo punto hanno preferito separare le proprie strade, non solo artisticamente. Troppi anni assieme, spalla a spalla, a prendere decisioni che segnavano quotidianamente la propria vita le ha portate a cercare un momento di riposo.

La fine della loro storia artistica

Questo, almeno, è il quadro che si percepiva dalle loro interviste. Paola dichiarò a Vanity Fair: "Non [ci sentiamo] spesso, ma è un esercizio di rispetto reciproco. Abbiamo passato vent’anni in simbiosi, con un cervello solo, sulla musica non discutevamo mai" aggiungendo "Non ci si separa mai in pace. Si può arrivare a un’accettazione, dopo un processo di comprensione dello stato emotivo dell’altro" mentre Chiara disse a Oggi che non ce la faceva più con quella vita: "Praticamente non ero più io, non avevo tempo nemmeno per pensare (…) Ho capito che la vita è breve, non potevo restare quella che ero vent’anni fa, non posso essere l’eterna sorella maggiore che deve dare l’esempio".

I video su Instagram

Insomma, tanti anni in cui non si sono più esibite assieme o, almeno, non vi erano testimonianze di questa cosa finché nei giorni scorsi ha cominciato a girare un video in cui le si vede duettare insieme in occasione del compleanno di Carlo Mengucci, direttore marketing e comunicazione di Etro, e amico comune. Nel video si vedono le due sorelle cantare assieme sulle note proprio di "Festival" facendo ballare tutti gli invitati. Le due cantante hanno postato un po' di testimonianze sui loro social, soprattutto Paola ha condiviso sul suo profilo Instagram un sacco di foto e video che la ritraggono assieme alla sorella. Da qui a parlare di riavvicinamento artistico ce ne passa, però le reunion sono uno degli sport preferiti dagli artisti di tutto il mondo, quindi mai dire mai.