È al momento un giallo la morte di Vittorio Bos Andrei, nome d'arte Cranio Randagio, trovato morto a soli 22 anni a casa di un amico. Il pubblico conosceva il rapper soprattutto per il suo passaggio a "X-Factor 2015", dov'era stato scelto da Mika. Il drammatico ritrovamento sabato a Roma, la mattina dopo una festa: l’ipotesi al vaglio degli inquirenti è che il cantante sia stato stroncato da un mix di alcol e droghe ma nessuna pista può essere essere esclusa in quanto le cause della morte saranno rese note solo in seguito all'autopsia disposta sul corpo.  Le indagini sono rivolte ora al gruppo di amici che ha partecipato al party.

Cranio Randagio era al lavoro su un nuovo disco

A "X-Factor 2015", Andrei si era definito uno "pseudo-rapper paranoico". Tra i suoi brani più noti, "Mamma Roma, addio" e "Petrolio". Cranio Randagio aveva pubblicato il disco "06-02-Crescere" e un EP, Love&Feelings"  in collaborazione con il producer romano Squarta, mentre era atteso dai fan il nuovo disco, presentato negli ultimi giorni dalla rubrica "Waiting for the Lion". Come dimostrano i tanti messaggi di cordoglio di amici e fan apparsi su Twitter, la scomparsa prematura del giovanissimo talento è stata un vero shock. Orfano di padre perso a 15 anni, dopo aver soggiornato per diverso tempo in Australia per dimenticare la tragedia familiare, viveva tra Roma e Milano.