33.527 CONDIVISIONI
Covid 19

Mogol riscrive Il mio canto libero, il brano diventa l’inno dei medici contro il coronavirus

Il classico di Battisti e Mogol viene reinterpretato con un testo riscritto dallo stesso Giulio Rapetti e cantato dai camici bianchi in corsia nei giorni dell’emergenza coronavirus: il video è stato diffuso dalla Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche e dal Ministero della salute.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Valeria Morini
33.527 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Il mio canto libero" di Battisti e Mogol diventa l'inno dei medici italiani contro l'emergenza Coronavirus. L'iniziativa è stata lanciata in un video realizzato dalla Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche e diffuso sul canale Youtube e sui social della Fism e del Ministero della Salute. I protagonisti sono alcuni medici specialisti che, tra un turno e l'altro, si sono esibiti reinterpretando la canzone, ovviamente a distanza. Lo scopo, ancora una volta, è quello di rinnovare l'invito alla cittadinanza italiana a restare chiusi in casa, per c0ntrastare il più possibile il contagio.

Il testo riscritto da Mogol

"Adesso resta a casa, esci solo a far la spesa domani un nuovo giorno sarà": il testo è stato riscritto appositamente per i medici da Giulio Rapetti Mogol, che compose il singolo con Lucio Battisti nel lontano 1972. Un canto di speranza, anche in questo momento di fatica, che si appresta a diventare un brano storico per i camici bianchi di tutta Italia.

Il mio canto libero, storia del classico di Battisti/Mogol

"Il mio canto libero" (musiche di Battisti, testo di Rapetti) venne inserito nell'omonimo album pubblicato nel novembre 1972 e lanciato come singolo insieme a "Confusione". Considerato un classico della musica italiana, nonché uno dei brani più conosciuti di Battisti, nasce da una base autobiografica: Mogol lo scrisse dopo la separazione dalla moglie e l'incontro con la nuova compagna, la pittrice e poetessa Gabriella Marazzi, insieme a cui acquistò un mulino e un cascinale ("ricoperto dalle rose selvatiche"). Ne esistono versioni cantate da Lucio Battisti in spagnolo ("Mi libre canción"), inglese ("A Song to Feel Alive") e tedesco ("Unser Freies Lied"). Diverse le cover, di artisti come Fiorello, Laura Pausini e Francesca Michielin (che la cantò a Sanremo).

33.527 CONDIVISIONI
32798 contenuti su questa storia
Bollettino Covid, in Italia 1.103 nuovi casi e 39 morti nella settimana 22-28 febbraio 2024: i dati
Bollettino Covid, in Italia 1.103 nuovi casi e 39 morti nella settimana 22-28 febbraio 2024: i dati
Bollettino Covid, in Italia 1.607 nuovi casi e 52 morti nella settimana 15-21 febbraio 2024: i dati
Bollettino Covid, in Italia 1.607 nuovi casi e 52 morti nella settimana 15-21 febbraio 2024: i dati
Miocardite e trombosi: i rischi reali del vaccino Covid in uno studio su 99 milioni di vaccinati
Miocardite e trombosi: i rischi reali del vaccino Covid in uno studio su 99 milioni di vaccinati
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views