12 Maggio 2014
18:12

Miley Cyrus scherza sulle droghe da stupro, in un locale gay (VIDEO)

Miley Cyrus fa ancora scandalo ma questa volta senza falli gonfiabili. La popstar, infatti, durante una serata al G-A-Y, noto locale londinese ha scherzato sulle cosiddette droghe da stupro alludendo al fatto che “Tutti sono gay”, basta un cocktail o al massimo qualcosa da versarci dentro.
A cura di Francesco Raiola
miley-cyrus-londra
Miley Cyrus durante il concerto a Londra

Non bastava la simulazione di un atto di fellatio durante il concerto londinese per distruggere ancora un po' il suo passato da Hannah Montana e idolo dei teenager, ma la Cyrus deve sempre spararla un po' più forte degli altri. Il suo show, che ha fatto indignare molti, a causa dei chiari riferimenti sessuali – ultimamente ha cavalcato e finto di fare sesso con un enorme fallo gonfiabile – è però uno di quelli di cui in questi anni si è parlato di più, ogni nazione in cui va in scena porta con sé enormi discussioni, facendo della Cyrus la "cattiva ragazza della porta accanto".

Durante un'incursione al mitico club G-A-Y di Londra, però, la cantante è forse andata un po' troppo in là parlando delle violenze sessuali perpetuate grazie alle droghe: "Lo sapete – ha detto alla folla la cantante intervenuta improvvisamente per festeggiare il compleanno di un amico – tutti sono un po' gay. È la verità. Tutti sono gay, tutto ciò che serve è un cocktail. E se non funziona, mettetegli qualcosa nel drink. È quello che faccio sempre" alludendo, probabilmente, alle cosiddette droghe da stupro.

Il video potete vederlo qua sotto, in esclusiva per il sito americano TMZ

Miley Cyrus e Avril Lavigne litigano su Instagram (VIDEO)
Miley Cyrus e Avril Lavigne litigano su Instagram (VIDEO)
Miley Cyrus si scatena col twerking per i fan inglesi (VIDEO)
Miley Cyrus si scatena col twerking per i fan inglesi (VIDEO)
Miley Cyrus bambina in una pubblicità di cibi pronti (VIDEO)
Miley Cyrus bambina in una pubblicità di cibi pronti (VIDEO)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni