140 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Sanremo 2018

Sanremo 2018, sospesi Fabrizio Moro e Ermal Meta che commenta: “Ridicolo parlare di plagio”

Dopo le polemiche delle ultime ore l’organizzazione di Sanremo 2018 prende tempo e sospende Meta e Moro a causa della similitudine tra la loro canzone “Non mi avete fatto niente” e “Silenzio”, canzone portata in gara a Sanremo Giovani nel 2016. Dopo un sorteggio è stato stabilito che Renzo Rubino si esibirà al loro posto.
A cura di Andrea Parrella
140 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Ermal Meta e Fabrizio Moro sono stati temporaneamente sospesi dal Festival di Sanremo 2018. A comunicare la decisione dell'organizzazione del Festival è l'agenzia Ansa, dopo la notizia emersa a margine della prima serata di ieri in merito alla somiglianza evidente tra la loro "Non mi avete fatto niente" e "Silenzio", pezzo presentato a Sanremo 2016 da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. Durante la conferenza stampa la squadra del Festival aveva tentato di minimizzare la portata della questione, scongiurando il plagio e parlando di semplice auto-citazione. Tuttavia, in seguito ai malumori espressi dagli addetti ai lavori in sala stampa Baglioni in primis, così come Claudio Fasulo e i responsabili dell'organizzazione hanno fatto sapere che avrebbero approfondito la questione.

Renzo Rubino si esibirà al posto di Meta e Moro

Dopo l'esordio della prima serata, era previsto che Meta e Moro facessero ascoltare per la seconda volta al pubblico la loro canzone nella serata del mercoledì, che prevede in scaletta solo dieci dei Big in gara. A sostituire la coppia sarà, dopo un sorteggio effettuato dall'organizzazione, Renzo Rubino, che invece avrebbe dovuto esibirsi giovedì.

Possibile squalifica per Meta e Moro

Il polverone su Sanremo era stato alzato dopo la fine della prima puntata di Sanremo, in seguito a una denuncia emersa in tarda serata. A unire le due canzoni, è Andrea Febo, autore di “Silenzio” che firma da co-autore anche il brano “Non mi avete fatto niente”. Il dirigente Rai Claudio Fasulo, nel corso della conferenza stampa Rai organizzata a margine della prima serata, ha chiarito che la canzone portata all’Ariston può essere considerata nuova a tutti gli effetti e non come un plagio ma, come dichiarato già anticipatamente, una citazione:

Non c’è nessuno scoop. Non si tratta di un plagio, l’autore aveva dichiarato l’elaborazione di un suo brano. Nel regolamento è prevista la possibilità di campionare o utilizzare stralci di brani anche di altri autori, fino al 30% del totale. La canzone ha i requisiti di brano nuovo a tutti gli effetti. Perché la traccia audio è stata tolta dal sito Rai? C’era già stata una richiesta in questo senso dalla parte legale dell’autore.

Il problema ha assunto dimensioni maggiori quando è emerso che la canzone "Silenzio" era stata eseguita due volte in pubblico e, probabilmente, ne sono derivati proventi Siae. Ma ciò che è stato maggiormente criticato è come i due pezzi abbiano un ritornello praticamente identico. Le possibilità di una violazione del regolamento di Sanremo non sono dunque da escludere e l'organizzazione sta indagando proprio su questo.

La replica di Ermal Meta

Pochi minuti dopo l'annuncio della sospensione Ermal Meta ha provato a fare chiarezza sulla questione, difendendo la sua buona fede e quella di Moro e Febo, concludendo con l'auspicio "Siamo sicuri che tutto andrà per il meglio". 

Cosa dice il regolamento di Sanremo

Il regolamento di Sanremo, utile a regolare casi come questo, parla chiaro: per concorrere alla gara, un brano deve necessariamente essere inedito. Disponibile sul sito Rai il regolamento che recita: “Tutte le canzoni dovranno essere nuove. (…) È considerata nuova, ai sensi e per gli effetti del presente Regolamento, la canzone che, nell’insieme della sua composizione o nella sola parte musicale o nel solo testo letterario (fatte salve per quest’ultimo eventuali iniziative editoriali  debitamente autorizzate), non sia già stata pubblicata e/o fruita, anche se a scopo gratuito, da un pubblico presente o lontano, o eseguita o  interpretata  dal vivo alla presenza di pubblico presente o lontano”. (…) Sussiste inoltre la caratteristica di canzone nuova nell’eventualità di utilizzo di stralci “campionati”  di canzoni già edite, sempre che questi – nel totale – non superino un terzo della canzone “nuova” stessa”. Va da sé, dunque, che se “Silenzio” fosse stata eseguita di fronte a un pubblico in precedenza, il brano di Moro e Meta andrebbe squalificato.

Le dichiarazioni di Fabrizio Moro

Va detto che Fabrizio Moro, nel corso di un’intervista rilasciata poco tempo fa a Donna Moderna a proposito del brano che avrebbe portato a Sanremo, parlò già di un ritornello preesistente, a partire dal quale aveva lavorato insieme  Ermal Meta: “C’era un brano in un cassetto, un brano su cui stavamo lavorando io e Andrea Febo, un cantautore e collaboratore con cui mi confronto da anni. Abbiamo salvato una parte di quel brano che parlava totalmente di un altro argomento, poi è arrivato Ermal e abbiamo continuato a lavorare insieme fino alla chiusura di Non mi avete fatto niente, ognuno ci ha messo una parte di se stesso, ognuno è stato decisivo, ci siamo divertiti e emozionati durante la stesura del brano. Grazie ad Andrea e a Ermal per questa opportunità che abbiamo creato insieme”.

140 CONDIVISIONI
314 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views