Carlo Conti con i Giovani del 66° Festival di Sanremo (LaPresse)
in foto: Carlo Conti con i Giovani del 66° Festival di Sanremo (LaPresse)

C'è un fil rouge che lega, casualmente, o forse no, Mahmood, Irama, Ermal Meta e Francesco Gabbani, un filo che li porta direttamente a Sanremo. Era il 2016, infatti, e la gara tra i Big di Sanremo sarebbe stata vinta dagli Stadio con "Un giorno mi dirai", con Francesca Michielin che si sarebbe piazzata al secondo posto con "Nessun grado di separazione", canzone che con la rinuncia della band capitanata da Gaetano Curreri avrebbe concorso per l'Italia all'Eurovision. Eppure, col senno di poi, la vera gara sarebbe stata quella delle Nuove proposte che vedevano gareggiare proprio i quattro artisti suddetti tutti all'esordio sul palco dell'Ariston tranne Meta che vi aveva partecipato già con la sua band precedente La fame di Camilla. Se fosse un vino diremmo che l'annata 2016 è stata una delle migliori di questi anni, un senno di poi che ci porta questi quattro artisti tra i più titolati e venduti.

Tre su quattro hanno vinto Sanremo

Tre di quegli artisti, ad esempio, avrebbero vinto la gara tra i Big: il primo è stato Francesco Gabbani che dopo "Amen", canzone con cui trionfò tra i Giovani, avrebbe vinto l'anno successivo, nel 2017, tra i Big, battendo la favoritissima Fiorella Mannoia con il tormentone "Occidentali's Karma". L'anno successivo sarebbe stata, invece, la volta di Ermal Meta – terzo classificato nel 2017 con "Vietato morire" – che assieme a Fabrizio Moro avrebbe portato a casa la vittoria grazie alla canzone "Non mi avete fatto niente" e infine, come ormai noto, quest'anno è stata la volta di Mahmood che con "Soldi" si è aggiudicato la 69a edizione, anche lui a sorpresa, come avvenne con Gabbani due anni prima.

La sorpresa Irama

Oggi, insomma, quegli artisti hanno tutti carriere in crescita, con Mahmood che vive sull'onda del successo sanremese, con un pezzo amatissimo da pubblico, critica e radio, in attesa di partecipare all'Eurovision Song Contest, Meta che oggi è uno degli artisti più amati del pop italiano, con concerti spesso sold out e la critica dalla sua parte, e Gabbani in attesa di confermare il successo di quel tormentone e dell'album successivo. Irama, poi, unico a non aver vinto la kermesse, è stato uno dei protagonisti del 2018, ha esordito per la terza volta in soli nove mesi in testa alla classifica degli album più venduti anche grazie alla spinta del Festival e del singolo "La ragazza con il cuore di latta" che ha portato il suo "Giovani per sempre", repack dell'ultimo singolo in cima alla Top 10.