10 Giugno 2018
12:16

Liberato a Milano, il concerto evento si apre con la parolaccia di “Io speriamo che me la cavo”

Il concerto di Liberato a Milano è stato un altro grandissimo evento, seguito da migliaia di persone. I suoi maggiori successi, da Nove Maggio a Tu t’è scurdat e’ me passando per Gaiola Portafortuna, con un intro scandito dalla frase del film Io speriamo che me la cavo. Il marketing sviluppato intorno alla sua identità continua incessante, con il lancio delle Converse a lui dedicate e la foto satirica condivisa dal profilo ufficiale di Bojack Horseman.
A cura di Eleonora D'Amore
dal concerto sul lungomare a Napoli
dal concerto sul lungomare a Napoli

Liberato è tornato a mostrarsi sul palco, stavolta a Milano, in zona Barona, al Barrio's Cafè, sabato 9 giugno 2018. Il noto rapper e cantante napoletano, la cui identità è ancora ignota, ha cantato i suoi singoli di maggior successo, rispettando la scaletta che già era stata apprezzata sul lungomare di Napoli, alla rotonda Diaz, circa un mese fa.

La scaletta di Liberato a Milano

Un pezzo strumentale ha scandito il suo arrivo, sul quale è stata innestata una parolaccia tratta dal film Io speriamo che me la cavo, poi Nove Maggio, Intostreet, Gaiola Portafortuna, Me staje appennenn’ amò, Je te voje bene assaje, Tu t’è scurdat e’ me sono state il sottofondo musicale di un coro di migliaia di persone, accorse in terra meneghina per applaudirlo.

"Nove giugno Milano liberata", l'evento era stato annunciato sui social ufficiali di Liberato subito dopo il concerto a Napoli, solo che stavolta, per assistere al concerto gratuito, bisognava iscriversi sull'apposito sito. Ai 20mila spettatori della città partenopea si è aggiunta la folla che ieri sera ha fatto registrare l'ennesimo sold out. "Uè, milanès!", ha esclamato Liberato, facendo il suo ingresso con volto coperto e felpa nera d'ordinanza, con cappuccio alzato, accompagnato da due musicisti, vestiti nello stesso modo. A Napoli, invece, erano stati ben sei i sosia che lo avevano accompagnato, probabilmente anche per l'arrivo trionfale, particolarmente pericoloso per la sua identità ancora non svelata, a bordo di una barchetta proveniente lato mare.

Le prossime tappe di Liberato

La prossima tappa di Liberato sarà Barcellona, dove venerdì 15 giugno si esibirà al Sónar, famosissimo festival musicale che quest'anno ha previsto in cartellone nomi come il frontman dei Radiohead Thom Yorke, i Gorillaz e gli LCD Soundsystem. A seguire, il 6 luglio, sarà possibile vederlo al VIVA Festival di Locorotondo.

Il marketing Liberato, da Converse a Bojack Horseman

Nel frattempo, la grande campagna di marketing intorno al progetto Liberato continua incessante e con grande creatività. Dopo il lancio delle Converse di Liberato, nelle ultime ore è arrivata un'immagine dal sapore internazionale, direttamente dal profilo ufficiale Instagram di Bojack Horseman. Una foto del famoso cartone animato, satirico, amaro e irriverente, mostra Liberato di spalle mentre suona e Bojack che lo guarda da dietro le quinte: "Liberato ovviamente sono tre ragazzini accatastati uno sopra l'altro sotto un impermeabile, un po’ come qualcun altro che era ovviamente tre ragazzini accatastati l'uno sull'altro che non si vede in giro da qualche tempo, sono l'unico che ha messo insieme i pezzi?“.

La nota star americana, protagonista della serie di fantasia Horsin' Around, che su Netflix si prende gioco del mondo di Hollywood e delle serie tv americane, fa riferimento al personaggio di Vincent Adultmen, fidanzato per un periodo con Princess Carolyn, la sua agente, visibilmente ‘composto' da tre ragazzini messi l'uno sull'altro, sebbene nessuno, a parte Bojack, per tutta la durata della sua presenza nelle puntate, sia mai riuscito a connotare davvero la sua reale identità.

Le foto del concerto di Liberato a Milano
Le foto del concerto di Liberato a Milano
16.029 di Spettacolo Fanpage
Liberato canta
Liberato canta "9 maggio" al concerto di Milano
Liberato, il concerto sul lungomare di Napoli delude i fan:
Liberato, il concerto sul lungomare di Napoli delude i fan: "Problemi di audio, speravamo di vederlo"
1.753.391 di AntonioMusella
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni